Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Settembre - ore 21.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Tutti i commercianti possono 'svuotare' i loro magazzini vendendo online o al telefono

Brogi: "Come i colossi, i nostri negozianti possono continuare a vendere i propri prodotti, utilizzando strumenti smart. Anche chi non commercia alimenti può vendere a domicilio". E su bar e pasticcerie...

ciò che si può fare e non fare

La Spezia - E' un momento duro, il più duro dal dopo guerra ad oggi, acuito dal fatto che la crisi economica del 2008 era ancora in corso. La reazione di tutti è necessaria per cercare di limitare il più possibile i danni che saranno comunque ingenti soprattutto per le piccole e medie attività, a qualsiasi livello, costrette non solo a doversi misurare con i colossi del web ma anche privati dell'esistenza fisica, unica vera arma per cercare di combattere l'iniquo confronto con le multinazionali. Serve anche un po' di organizzazione e una diversificazione dell'offerta, partendo da un presupposto: chi oggi fa il commerciante può vendere anche via web o telefono. A chiarirlo è Lorenzo Brogi, assessore al commercio del Comune della Spezia: "In molti ci hanno scritto e chiamato per avere chiarimenti in merito alla possibilità di vendere online, per telefono o con altro sistema, con consegne al domicilio: le faq ministeriali pubblicate in questi giorni hanno chiarito quanto già da tempo affermavo, cioè che i nostri commercianti al pari dei colossi come Amazon, Zara, Decathlon etc, possono continuare a vendere i propri prodotti, utilizzando strumenti smart, vendite online oppure tramite telefono, ovviamente senza aprire i negozi al pubblico".

C'è anche da dire che l’articolo 106 del Testo Unico Regionale in materia di commercio, al comma 7bis, afferma come le attività di vendita tramite sistemi di cui sopra, essendo accessorie rispetto all’attività principale, non necessitano di scia apposita od ulteriore. Continua Brogi: "I colossi non si sono mai fermati, mentre il piccolo commercio, causa la poca chiarezza delle norme, da subito ha spento i motori, anche per paura di violare regole e norme, d’altronde il negozio tradizionale ha una sede conosciuta, un nome e un cognome, i colossi delle vendite on-line no. Il governo arriva tardi ma finalmente si fa un po’ di chiarezza. In ultimo un doveroso un chiarimento: bar e ristoranti possono consegnare anche colazioni, non esiste un divieto in tal senso purché rispettate le prescrizioni di sicurezza".

Altra precisazione utile a proposito di negozi e altri esercizi di commercio al dettaglio che vendono prodotti diversi da quelli alimentari o di prima necessità e che quindi sono temporaneamente chiusi al pubblico. "A loro è consentita la consegna dei prodotti a domicilio, nel rispetto dei requisiti igienico sanitari sia per il confezionamento che per il trasporto, ma con vendita a distanza senza riapertura del locale. Chi organizza le attività di consegna a domicilio - lo stesso esercente o una cd. piattaforma - deve evitare che al momento della consegna ci siano contatti personali a distanza inferiore a un metro" (i prodotti di prima necessità sono elencati nell’allegato 1 al Dpcm 11 marzo 2020). Infine un'altra specifica utile e una domanda ricorrente da evadere: la consegna a domicilio di alimenti e bevande è consentita solo alle attività di ristorazione o vale anche per le altre attività di produzione e vendita di alimenti e bevande, come per esempio un bar o una pasticceria? "Tutti gli esercizi autorizzati alla commercializzazione e somministrazione di cibi e bevande, compresi i prodotti agricoli, possono consegnare a domicilio tali prodotti. Devono essere rispettati i requisiti igienico sanitari, sia per il confezionamento che per il trasporto. Chi organizza l'attività di consegna a domicilio – lo stesso esercente o una cd. piattaforma – deve evitare che al momento della consegna ci siano contatti personali a distanza inferiore a un metro".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News