Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Agosto - ore 10.24

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Tassa di soggiorno raddoppiata, le associazioni di categoria non sorridono

Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti fanno sentire la loro voce. L'amministrazione intende aumentare l'imposta da uno a tre euro a persona per i primi cinque giorni di permanenza.

Tassa di soggiorno raddoppiata, le associazioni di categoria non sorridono

La Spezia - Le associazioni di categoria hanno accolto assai tiepidamente la volontà dell'amministrazione comunale di raddoppiare gli introiti della tassa di soggiorno andando giocoforza a incrementare il balzello. Come raccontato ieri da CDS (QUI), Palazzo civico aumenterà l'imposta da uno a tre euro a persona per i primi cinque giorni di permanenza. In questo modo il Comune spera di passare da 700mila a un milione e 400mila euro di incasso.

"Apprendiamo dalla stampa che il Comune della Spezia avrebbe stabilito un aumento del 100% dell’imposta di soggiorno, portando la tassa a 3 euro a persona per i primi cinque giorni di permanenza". Così in una nota la Confcommercio spezzina. "Apprezziamo il fatto che gli introiti vengano utilizzati per scopi turistici e per la promozione del territorio, così come prevede la legge regionale, ma auspichiamo quanto prima l’apertura di un tavolo di confronto, all’interno del quale poter trovare un accordo che non vada a penalizzare le strutture e il turismo".

Cna La Spezia dal canto suo ricorda che "esiste un accordo regionale relativo alla tassa di soggiorno che è stato realizzato con la partecipazione e il contributo delle associazioni di categoria e auspichiamo che il solito schema venga replicato anche a livello locale. Inoltre, riteniamo indispensabile venga prevista una differenziazione dell’imposta che tenga conto delle diverse tipologie di struttura e di relativa clientela". A dichiararlo è Carola Baruzzo, referente sindacale Cna Turismo La Spezia.

Lunga e dura la nota diffusa da Confesercenti La Spezia, che "intende opporsi senza esitazioni alla decisione dell’Amministrazione Comunale della Spezia, appena resa nota, di raddoppiare l’importo dell’imposta di soggiorno a partire dal corrente anno. L’inasprimento dell’imposta, decisamente eccessivo, coglie di sorpresa le Associazioni di Categoria e gli operatori del settore mai coinvolti, fino ad ora, in una discussione aperta su questo tema. Nonostante le raccomandazioni più volte indirizzate all’Amministrazione della Spezia ed alle altre Amministrazioni Comunali circa la necessità di non introdurre novità così rilevanti a pacchetti turistici già abbondantemente venduti per la stagione che ormai è alle porte, ci ritroviamo ad affrontare un problema che rischia di recare notevoli danni ad un settore che è diventato di importanza strategica anche nella città capoluogo".

"Con la speranza che si possa ancora rimediare a questo che Confesercenti considera un grave errore - prosegue la nota -, l’organizzazione chiede al Sindaco di convocare quanto prima un incontro con tutti i rappresentanti di categoria interessati alla questione. Oltre all’aspetto riguardante l’inasprimento dell’imposta ed ai tempi di applicazione, esiste anche il tema relativo all’utilizzo del gettito derivante dall’imposta di soggiorno. I comuni che hanno sottoscritto il “Patto per il Turismo” con la Regione Liguria, quindi anche il Comune della Spezia, sono chiamati a mantenere l’impegno di consultare le Associazioni di Categoria e discutere con esse come impiegare gli introiti derivanti dall’imposta di soggiorno a beneficio del settore turistico. Anche di questi temi si occuperanno i Direttori Provinciali delle Associazioni aderenti a Rete Imprese Italia (Confesercenti, Confcommercio, Confartigianato, CNA) che si riuniranno lunedì 22 gennaio 2018 alle ore 17 presso la sede della Confesercenti della Spezia alla quale spetta il compito di presiedere e coordinare Rete Imprese nel primo semestre di quest’anno".

Preoccupazioni infine da parte di Confartigianato Turismo che, con il Consorzio Welcome to la Spezia – consorzio che rappresenta gran parte degli affittacamere del centro città - esprime "sorpresa nell’aver letto questa mattina sulla stampa del raddoppio dell’imposta di soggiorno previsto dal Comune della Spezia che porterebbe la tariffa da 1,5 euro a 3 euro per i primi 5 giorni, senza specificare fra l’altro la data di entrata in vigore in un settore dove, il rispetto dei “tempi” e delle “condizioni”, risulta fondamentale operando con tour operator e clientela in gran parte straniera. Confartigianato chiede inoltre di sapere come mai non sia stata prevista una differenziazione dell’imposta, a seconda della classificazione dell’attività ricettiva. Apprezzabile invece la decisione di destinare almeno il 60% della somma ricavata dall’imposta a finalità turistiche, in accordo con le associazioni di categoria. Su questi temi Confartigianato e il Consorzio Welcome To La Spezia chiedono un incontro urgente con l’Amministrazione comunale".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Ecco lo Spezia 2018/19, che campionato farà?


































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News