Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Luglio - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Tassa di soggiorno, le imprese: "Non aumentare oltre 50 per cento"

Il monito rivolto alla V Commissione: "Momento sbagliato per incrementare l'imposta".

Tassa di soggiorno, le imprese: "Non aumentare oltre 50 per cento"

La Spezia - Stasera alle 18 la V Commissione consiliare si riunirà per parlare di bilancio. Tra i tanti temi sul tavolo, quindi, ci saranno anche le modifiche alla tassa di soggiorno. Com'è noto - cosa che ha acceso il dibattito in questi giorni - l'amministrazione Peracchini intende raddoppiare il balzello. Un aumento del cento per cento, da un euro e mezzo a tre euro al giorno, a persona, per i primi cinque giorni di permanenza nelle strutture ricettive.

A una manciata d'ore dalla riunione della Commissione, le associazioni di categoria, riunite sotto l'egida di Rete Imprese Italia La Spezia (che raccoglie Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti), scrive una missiva - indirizzata al presidente Peserico e ai capigruppo consiliari - in cui mette nero su bianco la propria posizione. "L'aumento dell'importo da versare a titolo di imposta di soggiorno, proposto dall'Amministrazione - si legge nel testo firmato, in qualità di temporaneo coordinatore di Rti, da Fabrizio Capellini -, appare decisamente eccessivo e dovrebbe essere contenuto entro il limite del 50%. Sarebbe necessario evitare squilibri rispetto ai livelli impositivi applicati nei territori limitrofi onde evitare la perdita di quote di mercato a beneficio di altre realtà territoriali. L'incremento necessita di una differenziazione tra le varie tipologie e livelli di qualità delle strutture di accoglienza turistica".

"L'aumento - conclude la lettera - non dovrebbe essere applicato nel periodo di bassa stagione in modo da non contrastare con le politiche tese ad ampliare nel tempo la stagione turistica. Occorrerebbe prevedere esenzioni o sconti per ragazzi, famiglie e lavoratori soprattutto nei periodi considerati di bassa stagione. I tempi dell'operazione appaiono decisamente inadeguati in quanto non tengono conto del fatto che i pacchetti turistici riguardanti il 2018 sono stati già commercializzati da tempo". Parola alla commissione, parola alla politica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Come ogni estate, non c'è un giorno senza sagre. Che ne pensate?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News