Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 24 Settembre - ore 22.11

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Stipendi, dal primo luglio si cambia: niente più retribuzione in contanti

Stipendi, dal primo luglio si cambia: niente più retribuzione in contanti

La Spezia - Dal primo luglio le aziende non potranno più pagare la retribuzione in contanti a dipendenti, collaboratori e soci lavoratori di cooperativa, indipendentemente dalla tipologia e durata del rapporto di lavoro instaurato.
Confcommercio Imprese per l’Italia La Spezia, a seguito della nota emanata dall’Ispettorato Nazionale del lavoro, ricorda quindi tutte le indicazioni operative relative alle nuove disposizioni.
Le uniche modalità di pagamento consentite saranno infatti il bonifico bancario o postale, il pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente, l’emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore o gli strumenti di pagamento elettronico. Le nuove disposizioni hanno come obiettivo quello di ottenere una maggiore trasparenza nella corresponsione degli emolumenti ai lavoratori nonché per contrastare il fenomeno dell’economia sommersa utilizzando modalità di pagamento tracciabili. Poche le eccezioni: i rapporti di lavoro domestico e quelli comunque rientranti nell'ambito di applicazione dei contratti per gli addetti a servizi familiari e domestici, stipulati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale.
Le sanzioni amministrative sono piuttosto salate: dai 1000 ai 5000 euro. La sanzione si applica nel caso in cui il datore di lavoro o committente utilizzi modalità differenti di pagamento rispetto al quelle previste dalla legge o abbia effettuato il pagamento con le modalità previste, ma il versamento delle somme dovute non sia realmente stato effettuato. Sarà pertanto necessario verificare che il pagamento sia stato disposto utilizzando gli strumenti previsti ex lege e che lo stesso sia andato a buon fine.

Sull’argomento sono pervenute alla Federazione Italiana Pubblici Esercizi Confcommercio alcune richieste di chiarimento circa la possibilità di considerare fuori dall’obbligo alcune particolari tipologie di lavoro (esempio il lavoro intermittente). Su questo la legge e la nota dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro sono abbastanza precisi nel definire il perimetro dell’applicazione della norma che, come detto in precedenza, riguarda tutti i rapporti di lavoro subordinato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News