Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 08 Marzo - ore 22.14

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Stazione crocieristica, Costa: "Confidiamo sia pronta entro 36 mesi"

Al convegno organizzato da Confindustria sulla Blue economy la presidente Cozzani ha espresso fiducia per il completamento del Prp. Maltese, senior vice president di Costa crociere: "Ottimo progetto, condiviso con le istituzioni".

A Villa Marigola

La Spezia - "La città sta già godendo dei benefici dell'aumento del traffico crocieristico che attualmente porta in città circa 470.000 crocieristi, che si prevede salgano a 700.000 già l'anno prossimo, ma molti di più dal 2020 quando opereranno nel nostro porto congiuntamente le tre grandi compagnie di settore e il nuovo molo e la stazione crocieristica saranno completati". Nel suo intervento al convegno "Blue economy: slogan o realtà?", Francesca Cozzani, presidente di Confindustria La Spezia, guarda al futuro del turismo crocieristico spezzino con grande ottimismo.

La stessa fiducia espressa ai taccuini di CDS a margine dell'incontro da Beniamino Maltese, senior vice president di Costa Crociere.
"C'è un ottimo progetto, condiviso con le istituzioni, che aiuta molto nella distribuzione ad ampio respiro dei flussi dei passeggeri, non solo verso le Cinque Terre, ma rendendo il porto spezzino un valido hub per la Toscana. Per quel che riguarda le tempistiche di realizzazione dipendiamo dalle istituzioni: aspettiamo che sia lanciata la gara. Tenendo ben presente il calendario dello sviluppo crocieristico, con navi di nuova generazione in arrivo nei prossimi anni, dobbiamo farci trovare pronti. Come orizzonte temporale ritengo che nel giro di 24/36 mesi, tra autorizzazioni ed esecuzione, la stazione crocieristica potrà essere pronta per iniziare l'operatività".
"Gli investitori privati saranno parte anche del project financing del nuovo waterfront, progettato e gestito dal Comune della Spezia - ha ricordato Cozzani -. Vorremmo capire da chi ad oggi è interessato in questi progetti, le motivazioni per cui grossi gruppi internazionali che operano sul mercato globale guardano con interesse alla Spezia, se ci sarà anche un coinvolgimento del territorio, e quali impatti economici e di sostenibilità ambientale ci saranno".

Ampliando lo sguardo a porto spezzino nella sua interezza la numero uno di Via Don Minzoni, rispondendo a una domanda sull'applicazione del Piano regolatore portuale e i ritardi degli ultimi anni, ha spiegato: "L'Adsp sta mettendo in campo il massimo impegno, così come i privati che attendono da molto di poter realizzare gli investimenti che hanno pianificato. C'è stato il problema di qualche ricorso di troppo, ma il percorso è tracciato. Sono fiduciosa, dobbiamo arrivare in fondo".

"La Blue economy nella nostra provincia vale 700 milioni di euro ogni anno, ma soprattutto rappresenta il meglio delle nostre competenze: dalla cantieristica alla nautica dei megayacht, dal porto alle crociere, sino al turismo del diportismo e del balneare. Per l'economia spezzina - ha concluso la presidente Cozzani - si tratta davvero di un settore trasversale. La sostenibilità sarà la sfida del futuro, dobbiamo investire e concentrarci ancora di più per sviluppare questo aspetto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News