Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Settembre - ore 21.44

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Spezia-Carrara, nozze entro un anno

In Via del Molo si lavora per appianare le differenze su diverse tematiche, comprese quelle pianificatorie. A marzo l'affidamento dei lavori per la fascia di rispetto e lo spostamento dei fasci di binari.

Spezia-Carrara, nozze entro un anno

La Spezia - Un anno per appianare le differenze procedurali e normative e procedere definitivamente all'integrazione tra il porto della Spezia e quello di Marina di Carrara. Sono questi i tempi previsti in Via del Molo dove, dopo il brusco addio per questioni giudiziarie del presidente Lorenzo Forcieri e del segretario Davide Santini e l'arrivo del nuovo presidente Carla Roncallo, si lavora prevalentemente con l'obiettivo di mettere ordine alle carte e rendere il più rapido e indolore il processo di costituzione dell'Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale. Un'operazione che interessa anche gli interventi già in atto o in programma nei singoli scali, seppure in maniera marginale. Roncallo non ha infatti intenzione di stoppare nessuno dei processi in fase di realizzazione. Anzi, la priorità dopo l'insediamento è stata quella di sbloccare le gare che erano state sospese per l'assenza del dirigente che rivestiva anche il ruolo di presidente della commissione giudicante, finito in carcere nell'ambito dell'inchiesta sul sistema degli appalti in Autorità portuale.
Si tratta in particolare delle gare relative alla realizzazione della fascia di rispetto lungo Viale San Bartolomeo e al trasferimento dei fasci di binari da Calata Paita a Calata Malaspina. Due iter di aggiudicazione che dovrebbero concludersi senza ulteriori intoppi entro i primi giorni del mese di marzo.

Nel frattempo proseguirà l'opera di appianamento delle differenze tra i due porti e i due enti di provenienza, con particolare riferimento alle tematiche della sicurezza, delle aree demaniali e del lavoro. A complicare un po' le cose c'è, come era stato sottolineato dai detrattori della riforma Delrio, l'appartenenza a due regioni diverse, che si avverte principalmente sotto il profilo della pianificazione urbanistica: in Liguria infatti, a differenza della Toscana, l'approvazione del Piano regolatore portuale passa attraverso una legge regionale. Insomma, a complicare il passaggio dalle Autorità portuali alle Adsp ci sono diverse questioni, ma nei prossimi mesi si giungerà comunque alla stesura di un Piano regolatore unico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure