Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 02 Aprile - ore 14.19

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sicurezza, nuovi obblighi per le imprese

il punto di Confartigianato
Sicurezza, nuovi obblighi per le imprese

La Spezia - L'Ufficio Sicurezza di Confartigianato fa il punto sui nuovi obblighi delle imprese per quanto concerne la messa a terra degli impianti e le sue verifiche periodiche. E' stato introdotto l'obbligo di comunicazione per via telematica del nome dell'ente incaricato di eseguire la verifica obbligatoria (biennale o quinquennale) degli impianti di messa a terra.
Con questa nuova procedura Inail sarà in grado di individuare le aziende in ritardo con l'obbligo di
verifica periodica. "L'impianto di messa a terra – spiega il responsabile Enrico Taponecco -
consiste in una serie di accorgimenti dell’impianto elettrico atti a offrire protezione contro i contatti indiretti, permettere l’intervento dell’interruttore differenziale in caso di guasto verso terra e proteggerepersone ed impianti da tensioni elettriche di qualsiasi origine".
Per assicurare una corretta funzionalità dell'impianto, devono essere effettuate delle verifiche periodiche da soggetti abilitati dal Ministero delle Attività Produttive o dall'Arpal (per la Liguria): non sono valide, a tale fine, le verifiche effettuate da professionisti o da imprese installatrici. Sono soggette all’obbligo di verifica, qualsiasi attivita` privata o pubblica con dipendenti o soggetti ad essi equiparati secondo il D.Lgs 81/08 (Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro) e sono interessati sia gli impianti nuovi che quelli già esistenti.

“La verifica – prosegue Taponecco - e` biennale, ad esempio, per i locali medici, i cantieri, gli ambienti a maggior rischio in caso di incendio, gli impianti elettrici in luoghi con pericolo di esplosione, gli impianti di protezione contro le scariche atmosferiche ed i centri estetici. Ogni cinque anni in tutti gli altri casi”.
Ci sono poi dei casi particolari, per esempio per i centri estetici, la norma CEI 64-8 prevede, oltre alla verifica biennale dell'impianto di messa a terra, anche ulteriori verifiche con periodicità diversa (semestrale, annuale o triennale) per i dispositivi di controllo dell'isolamento, delle tarature dei dispositivi di protezione regolabili, del collegamento equipotenziale supplementare, ecc.

Le aziende che non effettuano le verifiche previste dalla normativa sono soggette a sanzione e comunque anche all’obbligo di effettuare la verifica; in caso di infortunio, oltre alla possibilita` di mancato pagamento da parte dell’assicurazione e dell'Inail, si incorre in pesanti sanzioni penali.

La verifica spiega la nota Confartigianato non rappresenta ovviamente solo un obbligo, ma consente anche di controllare lo stato degli impianti con lo scopo di tutelare personale e beni aziendali. Confartigianato Imprese La Spezia è in grado di assistere tutte le imprese interessate all’obbligo delle verifiche di messa a terra, anche grazie a convenzioni con degli organismi abilitati dal Ministero delle Attività Produttive.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare l'Ufficio Sicurezza Confartigianato, Enrico Taponecco, tel. 0187.286632 e-mail: sicurart@confartigianato.laspe

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News