Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Settembre - ore 21.20

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Rimesse migranti, da Spezia partono 20 milioni

Il recente boom dei bengalesi, che ora mandano a casa quindici volte più denaro rispetto a un decennio fa.

I numeri
Rimesse migranti, da Spezia partono 20 milioni

La Spezia - Il fenomeno delle rimesse degli immigrati ha visto un costante aumento dal 2005, arrivato nel 2011 a quota 7.3 miliardi di euro ma poi calato nel biennio 2012/2013 fino ad assestarsi sui cinque miliardi registrati sia nel 2016 che nel 2017. Questo dicono i dati raccolti da Banca d’Italia. Nel 2017 la provincia spezzina ha visto partire rimesse per oltre 19 milioni di euro, in calo rispetto al 2016 (21 milioni), al 2015 (oltre 24), al 2014 (24) e al 2013 (22) e in linea col dato 2012. L'indagine, ripresa dettagliatamente da Il Sole 24 Ore, evidenzia come in ogni caso il fenomeno sia notevolmente incrementato negli ultimi anni. Basti pensare che nel 2005 le rimesse di marca spezzina ammontavano a poco più di 6 milioni. Nel 2006 erano già quasi triplicate, e fino ad oggi non si è mai scesi sotto i 15 milioni annui instradati dai migranti verso i paesi d'origine. A livello regionale naturalmente è Genova a far la parte del leone: ammontano a oltre 107 milioni le rimesse del 2017. Savona e Imperia si mantengono invece su numeri tra i 20 e i 30 milioni.

Dove vanno a finire le rimesse che partono dalla Spezia e provincia? Quasi 3 milioni e 800mila euro nel 2017 hanno attraversato l'Atlantico per raggiungere la Repubblica dominicana, che nello Spezzino, in particolare nel capoluogo, vanta una folta rappresentanza (vedi QUI). Oltre 3 milioni e mezzo hanno invece fatto molta meno strada, infilandosi nei salvadanai della Romania, anche qui in ossequio alla forte presenza spezzina di compatrioti di Hagi e Ceausescu. Seguono 2.7 milioni di rimesse verso il Bangladesh. Tutt'altro trascurabili i numeri di Marocco (1.7 milioni), Senegal (850mila euro), Albania (800mila), Ecuador (600mila), Cina (420mila), Filippine (350mila), Ucraina (330mila), Tunisia (320mila), India (270mila), Colombia (260mila), Spagna (230mila) e Polonia (200mila).

Se guardiamo alla situazione di un decennio fa, c'è una certa costanza per quanto riguarda la ripartizione e l'entità delle rimesse, eccezion fatta per la pratica Bangladesh. Trattandosi di un'immigrazione sviluppatasi solo negli ultimi anni, anche le rimesse sono passate da qualche spicciolo al terzo gradino del podio (i ben 2.7 milioni prima menzionati). Basti pensare che nel 2007 i lavoratori bengalesi hanno spedito in patria meno di 200mila euro. Risale al 2011 il superamento del milione, al 2014 quella dei due milioni, fino ai 2.7 di 2016 e 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News