Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Agosto - ore 10.33

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Rete imprese: "Servono Camere più efficaci e meno costose per le imprese"

Rete imprese: `Servono Camere più efficaci e meno costose per le imprese`

La Spezia - Si alla riforma delle camere di commercio ma servono più garanzie per gli imprenditori. Lo sostiene con forza Rete Imprese Italia che in una nota precisa: "Riteniamo che le nuove procedure debbano essere affrontate in un’ottica di lungo periodo che metta al centro l’interesse delle imprese e dei territori, senza adottare scelte basate solo sulla contingenza, in primis quella, pur comprensibile, di recuperare risorse per l’azione del Sistema camerale".

La nota prosegue: "Le Camere di Commercio - oggi profondamente riformate dal decreto legislativo di attuazione della Riforma della Pubblica amministrazione - si sono, infatti, dimostrate nel tempo sempre più come uno strumento utile per accompagnare e sostenere le imprese, specie quelle di minore dimensione, per promuovere le economie territoriali, per assicurare la trasparenza, la sicurezza e la legalità dell’agire economico. Ed è proprio grazie alle scelte compiute con la Legge 580 del 1993 che si è realizzato quel modello misto pubblico/privato di un ente locale amministrato da rappresentanti delle categorie produttive che ha permesso alle stesse Camere di svolgere efficacemente il proprio ruolo e di dare concretezza alla democrazia economica. Basti pensare alla scelta di affidare alle Organizzazioni di rappresentanza delle imprese il compito di esprimere gli amministratori degli Enti camerali superando il modello centralistico e burocratico di nomina degli Organi camerali da parte del Ministro dello Sviluppo Economico che aveva caratterizzato la lunga fase precedente".

"Sono proprio questi principi e questi valori che R.E TE. Imprese Italia vuole ribadire - si legge ancora - anche nella fase di attuazione di quest’ultima riforma. Il ruolo delle Camere come istituzioni pubbliche locali dotate di autonomia funzionale che svolgono funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese sulla base del principio di sussidiarietà. Non solo un ente amministrativo, ma l’istituzione portante della coesione economica e sociale di un territorio, espressione della democrazia economica. Occorre che la riforma venga attuata con profondo buon senso, senza operare forzature e senza snaturare il modello di sussidiarietà e di coerenza con il tessuto economico locale sopra descritto. In quest’ottica, ad esempio, siamo favorevoli ad un aumento del 20% deliberato dalle singole Camere di Commercio, condizionato alla condivisione e compartecipazione da parte dei sistemi associativi, a partire da quelli locali, ai progetti azioni e programmi “a misura” delle economie territoriali. Non siamo, quindi, favorevoli ad un aumento del diritto annuale che risponda esclusivamente agli indirizzi dell’esecutivo senza tenere nell’adeguata considerazione le esigenze dei diversi territori e delle imprese di quei territori. Questo per garantire che la comunità delle imprese chiamate a versare la maggiorazione siano le effettive beneficiarie degli interventi di promozione e sviluppo, impedendo che tali risorse siano genericamente destinate a finanziare attività, seppur utili, ovvero senza alcun vincolo di destinazione territoriale".
"La destinazione delle risorse - si legge nella nota - , pur nell’ambito delle linee strategiche unitarie, deve essere rimessa all’autonoma scelta degli Enti camerali, senza trasformare questi ultimi in meri esecutori di scelte adottate altrove. In conclusione, R.E TE. Imprese Italia sostiene ed accompagna l’attuale processo di riforma, pur ribadendo con forza le richieste avanzate sin dall’inizio del cammino della legge delega: riformare seriamente il Sistema camerale, rendendo le Camere più efficaci e meno costose per le imprese".


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure