Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Maggio - ore 08.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Querelle Felettino, Ire a Pessina: "Le varianti hanno dei tempi di legge"

Regione Liguria replica alle giustificazioni della società in sede di commissione consiliare: "Hanno fornito il materiale con una tempestica lentissima e se la prendono con noi?"

"nuova disinformazione"
Querelle Felettino, Ire a Pessina: "Le varianti hanno dei tempi di legge"

La Spezia - Se prima il braccio di ferro era ancora rimasto piuttosto velato, oggi il solco fra Ire, la società partecipata da Regione Liguria incaricata della direzione lavori del nuovo ospedale del Felettino, e Pessina Costruzioni, è sempre più profondo. E alle accuse della società che a suo tempo vinse il bando di costruzione del nosocomio che sta nascendo, faticosamente, sulla collina di Buonviaggio (rileggi qui), risponde la Regione, chiarendo che, dopo questo, risponderà all'azienda milanese solo nelle sedi competenti e mai più sulla stampa. Un avvertimento netto e, soprattutto, la necessità di replicare al carico di responsabilità riguardanti il blocco dei lavori alla principale opera in cantiere. Innanzitutto spiegando che non c’è mai stato e non c’è alcun boicottaggio da parte di Ire nei confronti della Pessina:"Il problema essenziale per cui i lavori dell’appalto dell’ospedale non proseguono consiste nel fatto che la Pessina pretende di cambiare il progetto originario da essa stessa presentato. Questo non solo riguardo le fondazioni (oggetto della variante alla quale è stato dato molto risalto), ma anche su altri aspetti come, per esempio, varie opere propedeutiche alle fondazioni. La condotta delle Pessina si concretizza nella (quasi) totale inattività nei cantieri e nella continua, incessante richiesta di modifiche al progetto originario, al quale non si vuole attenere".

Ire non finisce qui e attacca anche nel merito: "La situazione di pressoché totale inattività della Pessina - continua la replica di Piazza De Ferrari - è anche dovuta al fatto che essa sia al momento priva di un adeguato team di progettisti, essendo in contenzioso giudiziale con lo studio con cui collaborava. In aggiunta, la Pessina è in contenzioso giudiziale anche con uno dei suoi partner nell’ATI di cui è mandataria, il che rende difficile capire chi eseguirà i lavori qualora dovessero essere sbloccati. L’eventuale accoglimento della variante è subordinato a precisi requisiti di legge, legge che la Pessina considera quasi un fastidioso inconveniente. Il procedimento ha i suoi tempi, che devono essere rispettati, e che la Pessina conosceva. La problematica va valutata, da tutte le parti in causa, in un’ottica di maggior equilibrio e di maggior rispondenza agli aspetti del diritto. E, per concludere, ribadiamo che Pessina ha fornito il materiale richiesto sulla variante con tempistica lentissima".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News