Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 19 Ottobre - ore 20.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Porto, code da incubo: "Così rischio manomissione cronotachigrafi"

Tensione tra lavoratori portuali e autotrasportatori. Quaretti (Cgil): "Situazione indecorosa". Adorni (Trasportounito): "Disattese proposte di Forcieri".

Porto, code da incubo: `Così rischio manomissione cronotachigrafi`

La Spezia - Giornata a dir poco faticosa per i camion al varco portuale degli Stagnoni. Code, mezzi bloccati a lungo e tanta frustrazione nell'aria. "Abbiamo richiesto un incontro sia al terminal sia all'Autorità portuale - spiega Fabio Quaretti, segretario provinciale Filt Cgil -. E' una situazione che ci preoccupa. Anche oggi, come già accaduto, ci sono stati momenti di tensione tra autotrasportatori e lavoratori del porto, perché quando la gente è sfibrata dopo ore sotto il sole, in mezzo alla strada, intrappolata, senza poter andare né avanti né indietro. Ci sta che qualcuno, esasperato, perda le staffe. La cosa deve essere gestita, è evidente che c'è un problema legato ai flussi di traffico e all'organizzazione". Secondo Quaretti, "non è possibile che i mezzi restino incolonnati fino all'autogrill col parcheggio vuoto; il primo varco viene superato, poi si crea la congestione. E chi è fermo all'autogrill non riesce ad accedere perché non può andare a fare documenti. Non ci sono bagni né pensiline all'ingresso, parliamo di attese indecorose, in condizioni inumante. E non siamo nemmeno in un momento di picco di traffici".

In merito a questi problemi, spiega ancora Quaretti, "sono stati fatti tanti progetti, ma alla prova dei fatti l'infrastrutturazione non dà accoglienza decente ai lavoratori. Non c'è un sistema informatico che gestisca al meglio i flussi. I camionisti arrivano senza conoscere la situazione. Hanno orari dati dai cronotachigrafi, e se fanno tre ore di coda, rischiano anche la multa, senza poter fare diversamente. Infatti questa condizione favorisce l'utilizzo di pratiche illegali, come la manomissione dei cronotachigrafi".

Anche il coordinatore provinciale di Trasportounito, Piero Adorni, era sul posto e ha voluto farsi sentire. "E' stata una giornata da incubo. E' dovuta anche intervenire la Salt. Le proposte elaborate quando Forcieri era presidente dell'Autorità portuale non vengono attuate". Trasportounito ha condotto anche una raccolta firme per sensibilizzare le istituzioni circa gli intoppi degli autotrasportatori, dandone comunicazione anche alla Questura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure