Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Marzo - ore 23.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Porti, Furletti (Uiltrasporti): "Regione Liguria in contraddizione con riforma governance"

Il segretario territoriale: "Concorrenza spietata tra scali".

"A rischio terzietà Autorità"
Porti, Furletti (Uiltrasporti): "Regione Liguria in contraddizione con riforma governance"

La Spezia - Intervento di Marco Furletti, segretario territoriale Uiltrasporti-Uil

In relazione alla deliberazione della Giunta Regionale della Liguria del 25 Gennaio 2019 avente per oggetto “Autonomia differenziata-Art.116, 3° comma, della Costituzione per l'attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia “ la Uiltrasporti-Uil intende intervenire sul tema relativamente ai temi delle infrastrutture,logistica e portualità. In un primo tempo, come Organizzazione Sindacale,avevamo accolto con un cauto ottimismo la riforma della governance portuale contenuta nel D.Lgs. 196/16 in quanto ritenevamo che tale norma fosse in grado finalmente di “fare sistema “, di mettere quindi sotto una cabina di regia unica le
neonate Autorità di Sistema Portuale ( ADSP ) in modo tale da concentrare gli investimenti su quei progetti infrastrutturali ritenuti utili per l'intero sistema logistico e trasportistico italiano e rilanciare quindi l'economia del nostro Paese ponendo fine a quei localismi che, dal 1994 ad oggi, avevano caratterizzato invece lo sviluppo di un'offerta portuale italiana non omogenea e con forti differenze tra nord e sud.

Ciò che è invece seguito alla riforma della governance portuale e del c.d. “correttivo porti “ è stata una riproposizione di quanto già accaduto con la legge 84/94 , ovvero un 'applicazione della norma non uniforme, dove è mancato anche il giusto coordinamento rappresentato dalla Conferenza Nazionale delle ADSP previste dall'art. 11 ter della legge 84/94.
La cosa ancora più grave è lo spostamento , in questi ultimi giorni,del dibattito politico su temi non prioritari , se non addirittura dannosi, per la governance dei porti.
Da anni , come Sindacato abbiamo sempre sostenuto che la portualità, così come tutte le
infrastrutture contenute nel Piano Generale dei trasporti e della logistica,fossero da includere tra le materie “non concorrenti “,in quanto al servizio del sistema Paese.
Questa nostra impostazione era inoltre funzionale all'applicazione del regolamento Europeo
1315/2013 sulle reti Ten-T.

La questione posta dalla Regione Liguria con la deliberazione del 25 gennaio u.s.è pertanto in
aperta contraddizione da quanto previsto dalla riforma della governance ,ovvero il compito in capo alla Conferenza Nazionale delle ADSP di coordinare i “grandi investimenti infrastrutturali“, pianificare l'urbanistica portuale , le strategie di concessione demaniale , di marketing e la promozione internazionale dei sistemi portuali.

E' pertanto ad avviso della scrivente dannoso per il sistema paese consentire ad una Regione come la Liguria , inserita nel “Corridoi 24 2 delle reti Ten-T avocare a sé compiti e funzioni di
infrastrutturazione ferroviaria e portuale. Inoltre ci corre l'obbligo di sottolineare un altro importante tema recentemente risaltato a mezzo stampa, ovvero quello della natura giuridica delle ADSP. Se infatti la portualità italiana riformata con la Legge 84/94 ha creato delle Autority pubbliche affidando a questi enti il delicato compito di regolazione e controllo di aree demaniali, trasformare dette Autority in enti pubblici economici, significherebbe considerarle soggetti che necessariamente debbono fare profitto come una qualsiasi società di capitali, perdendo di fatto l'attuale terzietà. Tutto ciò con il rovinoso effetto di alimentare una concorrenza spietata tra i nostri scali e , ancor peggio, eliminare la terzietà di questi Enti andando a favorire una competizione selvaggia tra gli operatori in ogni scalo.

In conclusione riteniamo pertanto che ai nostri porti occorrano, in uno scenario mondiale dove i meccanismi della concorrenza sono sempre più spietati e dove le compagnie di shipping hanno messo in campo strumenti pervasivi di concorrenza riuscendo a controllare interi segmenti della filiera logistica della merce , autorità di controllo pubbliche, caratterizzate da terzietà e coordinate e controllate a livello centrale , in grado di garantire uno sviluppo completo della portualità italiana.

Marco Furletti, segretario territoriale Uiltrasporti-Uil

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News