Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 07 Giugno - ore 07.32

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ponte Albiano, Confindustria: "Insostenibili due anni per tornare a normalità"

Il presidente Gerini: "Fattore temo fondamentale. Da noi già arrivate proposte per possibile soluzione".

"Serve accelerare"

La Spezia - A oltre un mese dal crollo del Ponte di Albiano Magra Confindustria La Spezia ritiene doveroso intervenire per richiamare l’attenzione sulle difficoltà degli operatori economici dell’area interessata. "Nell’immediatezza dell’evento - si legge nella nota diramata da via don Minzoni - Confindustria La Spezia si è tempestivamente attivata chiedendo al Governo di adottare procedure analoghe a quelle scelte per la ricostruzione del ponte Morandi di Genova e che, venissero da subito messe in atto iniziative speciali finalizzate a ridurre i disagi della popolazione e delle attività produttive site nella frazione e nei Comuni interessati dal crollo del ponte".

Mario Gerini, Presidente di Confindustria La Spezia, ricorda: "Non ci siamo limitati ad una generica richiesta ma con due note, la prima del 15 e la successiva del 23 aprile scorso, sono state formulato due ipotesi di viabilità complementari fra di esse che potessero in tempi brevi rappresentare una reale alternativa all’attuale viabilità". La prima prevede nel tratto autostradale dell’A15 tra Albiano Magra e S. Stefano Magra, la realizzazione di due rampe temporanee di accesso alle corsie una lato Albiano Magra e l’altro lato Santo Stefano di Magra. La seconda prevede la realizzazione di due rampe temporanee di accesso alle corsie Nord e Sud del tratto Autostradale A12 nella località Lagoscuro - Ceparana.

Gerini puntualizza che "entrambe le proposte rappresentano un contributo. Ovviamente, non sono state formulate nella convinzione che fossero le uniche che in tempi brevi potessero fornire reali risposte alla criticità emersa. Ci siamo fatti parti attive in quanto ritengo che un’associazione non debba limitarsi ad evidenziare le difficoltà ma debba avere anche capacità propositiva e progettuale. Fondamentale, a nostro parere, è il fattore tempo".

"In queste settimane - conclude la nota Confindustriale - l’associazione ha seguito con attenzione l’evolversi della situazione mantenendo costanti contatti con le autorità interessate, apprezzando apprezzato l’impegno profuso al livello locale del Sindaco di Aulla e dal presidente della Provincia della Spezia e a livello parlamentare degli Onorevoli Gagliardi e Ferri. Lo scorso 5 maggio, a nome delle associate è stato nuovamente chiesto al Ministro delle Infrastrutture di accelerare il processo decisionale evidenziando che le aziende hanno la necessità di essere puntualmente informate per poter programmare le loro attività o di valutare l’eventuale ricollocazione dei loro impianti, in quanto ritengono economicamente non sostenibili i tempi di due anni ipotizzati sulla stampa locale per tornare alla normalità".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News