Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Settembre - ore 15.29

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pensioni integrate: la tecnologia dei robo-advisor in soccorso del risparmiatore

Sponsor
Pensioni integrate: la tecnologia dei robo-advisor in soccorso del risparmiatore

La Spezia - Nell’immaginario collettivo, riesce difficile associare la previdenza all’evoluzione tecnologica. Sembrano mondi totalmente differenti tra loro, uno legato a doppio filo agli ultimi anni di vita di un individuo, l’altra afferente alle trovate dei più giovani. È però proprio dalle imprese formate da giovani imprenditori che arrivano idee e proposte per rivoluzionare il mondo delle pensioni. Basti pensare alla situazione attuale in Italia: centinaia di migliaia di assegni mensili non coprono i fabbisogni delle famiglie e gran parte dei lavoratori si trovano a fare i conti con l’incertezza di ricevere una pensione nel futuro prossimo a causa dello stato preoccupante delle casse dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Una delle poche alternative a disposizione per migliorare la situazione economica in età pensionabile restano gli strumenti di integrazione della pensione stessa. Sono forme finanziarie di accumulo che consentono di versare una somma solitamente variabile per un arco di tempo lungo, al fine di garantirsi una pensione di vecchiaia più consona alle aspettative di vita del cliente.

Questo strumento negli ultimi anni ha riscosso sempre più successo da parte dei risparmiatori, che guardano al futuro con maggiore interesse proprio in considerazione della non chiara situazione politica ed economica. Molti degli strumenti finanziari presenti sul mercato, però, non consentono di puntare su quei fattori – diversificazione, ottimizzazione dei costi e personalizzazione dell’investimento – che il consumatore moderno richiede per potersi fidare – e quindi per investire – di un mercato così variabile e fluttuante.

Rispondendo a questo bisogno particolare, la società italo-britannica Moneyfarm ha messo la tecnologia al servizio delle pensioni integrative, proponendo un robo-advisor in grado di rivoluzionare il settore. Partendo dal profilo del cliente, Moneyfarm deduce un orizzonte temporale d’investimento adeguato alle aspettative e agli obiettivi concordati, puntando tutto sulla diversificazione degli investimenti per ridurre gli effetti delle oscillazioni del mercato, nonché sull’ottimizzazione delle spese di gestione. A “trainare” questo strumento è un algoritmo, una formula studiata a tavolino per consentire la massima efficacia al netto di un monitoraggio costante e di una serie di aggiustamenti tattici che nel corso del tempo si rendono necessari per migliorare ulteriormente le performance d’investimento e per garantire una costante trasparenza.

L’ex startup nata in Italia nel 2011 non ha però intenzione di fermarsi, visto che a breve dedicherà al mercato del Regno Unito una novità che presto potrebbe arrivare anche in Italia attraverso la forma più conosciuta del PIP – acronimo di Piano Individuale di Risparmio. Il Self-invested personal pension (SIPP) è di fatto una pensione che il cliente accumula in maniera autonoma nel corso degli anni, supportato da bot e robo-advisor nella riduzione dei costi. Al fine di garantire una previdenza integrativa che abbini trasparenza, semplicità di utilizzo e massima efficienza, Moneyfarm analizza costantemente il ciclo di vita dell’investitore, adattando quindi l’asset allocation man mano che diminuiscono gli anni che mancano alla pensione. Attraverso un’attenta selezione degli ETF in cui il cliente può investire, questo strumento garantisce anche una sostanziale riduzione dei costi di gestione, attenuati anche dalla presenza della tecnologia che riduce all’essenziale l’intervento del consulente “umano”.

A spiegare l’importanza del prodotto è il presidente di Moneyfarm, Paolo Galvani: «Il mercato della previdenza complementare è in grande crescita e in un futuro non lontano la maggior parte delle persone dovrà necessariamente ricorrere a soluzioni private per integrare la pensione. Con il Sipp mettiamo il nostro approccio innovativo al servizio del problema previdenziale». Attraverso questa soluzione, Moneyfarm si prepara a rivoluzionare il mercato italiano, introducendo una nuova opportunità che vada a supplire alle carenze del sistema previdenziale pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News