Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Luglio - ore 18.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Parcheggi, il 3 per cento è pagato con bancomat o carta di credito

Il bilancio del rinnovo dei parchimetri costato 400mila euro e reso obbligatorio per legge un anno e mezzo fa. Un altro 8 per cento paga con lo smartphone. Sempre meno utenti utilizzano le monete.

Parcheggi, il 3 per cento è pagato con bancomat o carta di credito

La Spezia - Il pagamento elettronico, un obbligo di legge al quale anche in riva al Golfo ci si sta iniziando ad abituare. E non solo per le somme ingenti. Al supermercato, al distributore di carburante e, da qualche mese, anche per il pagamento della sosta: carta di credito e bancomat sono certamente più comodi di banconote sgualcite e tascate di monetine.
Circa un anno e mezzo fa (dal 1° luglio 2016) la possibilità di far pagare gli utenti anche con la moneta elettronica (no, i bitcoin qua non c'entrano) è diventata un obbligo anche per i gestori dei parcheggi a pagamento, e Atc Mobilità e parcheggi si è adeguata alla normativa, mettendo sul piatto 200mila euro, ai quali se ne sono aggiunti altrettanti da parte del Comune, per sostituire o aggiornare gran parte dei parchimetri presenti in città.

Oggi che tutti i circa 120 apparecchi sono in funzione da un po' di tempo, si possono trarre le prime conclusioni.
Intanto nel tessuto urbano sono presenti circa 20 macchinette che non sono predisposte per il pagamento con carta o bancomat, ma queste si trovano in vie o piazze in cui sono disponibili anche quelle più moderne. Nei casi più sfortunati l'utente che non ha spiccioli deve camminare al massimo 150 metri per trovare un parchimetro di ultima generazione.
La confidenza con i "nuovi" sistemi di pagamento, come dicevamo, sta crescendo. Un anno fa, infatti, i tecnici di Atc Mobpark si aspettavano che il rinnovamento del parco attrezzature si sarebbe trasformato in un costoso, quando obbligatorio, "buco nell'acqua".
Invece gli ultimi dati a disposizione dell'azienda di Via Saffi dicono che quasi il 3 per cento degli utenti utilizza carta di credito o bancomat per pagare la sosta. Una cifra piuttosto elevata, se si pensa all'importo medio di qualche ora tra le strisce blu. Interessante notare che i numeri crescono nel corso dei mesi estivi, forse grazie al maggiore afflusso di stranieri, ben più abituati degli italiani a bypassare l'utilizzo della moneta fisica.
In conclusione, sommando questo 3 per cento di operazioni all'8 per cento di quanti pagano con il sistema EasyPark (quello attraverso lo smartphone), oltre un utente su dieci ha scelto di trovare un'altro utilizzo al vano porta spiccioli della sua auto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News