Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 26 Maggio - ore 20.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ogni 10 piccole imprese già attive altre 13 sono ad alto potenziale di attivazione delle vendite via web

il punto di confartigianato
Ogni 10 piccole imprese già attive altre 13 sono ad alto potenziale di attivazione delle vendite via web

La Spezia - Nel contesto di crescita della domanda di e-commerce sale anche il numero di piccole imprese che vende on line che nel 2018 arriva al 9% del 2019, in aumento di due punti rispetto all’anno precedente. Si riduce il divario con l’Unione europea e una analisi mostra che vi è una quota significativa di piccole imprese che con un elevato potenziale per arrivare a proporre i propri prodotti sul web. Alcuni spunti del lavoro sono contenuti nel rapporto sull’e-commerce 2019 della Casaleggio Associati. Sulla base dei dati rilevati nel 2018 su un panel di quattrocento piccole imprese ad alta vocazione artigianale abbiamo identificato tre profili di impresa in relazione all’attività svolta sul web: il 12% delle imprese è attivo su siti web e/o social network e sul canale e-commerce, a fronte di un 72% attivo su siti web e/o social network, senza esercitare vendite on line; il restante 16% non pratica alcuna attività sulla Rete.

“La crescita dell’e-commerce – spiega il Presidente di Confartigianato La Spezia, Paolo Figoli - offre alle imprese potenzialità di crescita mediante lo sviluppo delle vendite on line, anche in settori caratterizzati da una alta presenza di piccole imprese. Nel 2018 è salito al 45% la quota di e-shoppers che acquista beni di abbigliamento, salendo di 4,6 punti rispetto al 2017. Il 39,4% dei consumatori acquista on line articoli per la casa, quasi un punto (0,9) in più rispetto all’anno precedente. Particolarmente significativo l’aumento dei consumatori on line di prodotti alimentari, con la quota che sale di 3,1 punti passando dal 10,6% del 2017 al 13,7% del 2018. Questi dati evidenziano un cambio epocale in atto nelle dinamiche di acquisto che le Associazioni datoriali devono seguire attentamente per accompagnare adeguatamente le imprese”.

E-commerce e variabili evolutive di impresa – In generale, oltre alla dimensione aziendale, la presenza e il grado di sofisticazione dell’utilizzo della Rete è correlata positivamente con alcune variabili significative che sottendono delle dinamiche evolutive in relazione al capitale umano e relazionale dell’impresa, ai mercati e alla propensione a investire e a innovare.

Gli imprenditori attivi nell’e-commerce per il 97,9% dei casi presentano un titolo di studio medio-alto (diploma o laurea-post laurea), quota superiore del 12,9 punti della media degli imprenditori intervistati. In relazione alla dinamica del fatturato il 55,3% delle imprese che vendono anche via web mostrano un aumento del fatturato, quota di 6,1 punti superiore alla media. Le imprese attive sul canale e-commerce presentano una più elevata intensità di relazione con altre imprese, pari al 66,7% dei casi e superiore di 12,1 punti rispetto alla media. È esposto sui mercati esteri il 46,8% delle imprese attive nella vendita on-line, quota che supera la media per 20,3 punti. L’attività innovativa, di prodotto e/o di processo e/o di marketing, viene svolta dall’83% delle imprese che sfruttano su tutti i fronti (sito, social e vendite on-line) le opportunità della Rete, quota più alta di 8,0 punti rispetto la media. L’80,9% delle imprese che vendono sul web hanno programmato nel biennio 2018-2019 di effettuare almeno un investimento digitale, quota di 25,4 punti più alta della media. Con analoga intensità sono state utilizzate le misure agevolative del Piano Impresa 4.0, indicate dall’81,3% delle imprese attive sul canale e-commerce, quota superiore di 19 punti rispetto alla media.

Una impresa su due (48,9%) attive sull’e-commerce ha introdotto in azienda una o più tecnologie digitali – si tratta di manifattura 3D, internet delle cose, social manufacturing e/o cloud computing, realtà aumentata, realtà virtuale, robotica e nanotecnologie – quota di 7,7 punti superiore alla media.

Sulla base della presenza di queste variabili evolutive abbiamo stimato le imprese con un potenziale di attivazione del canale e-commerce tra i piccoli imprenditori attualmente non ancora attivi nelle vendite on line, ma che presentano almeno sei delle caratteristiche evolutive di impresa tra cui necessariamente la crescita del fatturato e la propensione ad effettuare investimenti digitali. Il segmento delle imprese potenzialmente adatte all’e-commerce è pari al 21,3% delle imprese con sito web e/o social network, a cui si somma il 9,1% di imprese oggi non attive sulla Rete che presentano caratteristiche evolutive adatte alla vendita on line. Si può concludere che ogni 10 imprese attive nelle vendite via web ve ne sono 13 con sito web e/o sui social network che presentano caratteristiche evolutive che potenzialmente le abilitano all’apertura del canale dell’e-commerce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News