Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Agosto - ore 17.42

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Manca il lavoro e i giovani rimangon con i genitori fino ai 30 anni

Manca il lavoro e i giovani rimangon con i genitori fino ai 30 anni

La Spezia - Li chiamano bamboccioni ma in realtà il 56% di loro accetterebbe un posto da spazzino, il 51% punterebbe a un lavoro nella food delivery (consegna di cibo a domicilio) e un 50% farebbe il dog sitter. Sono i giovani italiani tra i 18 e i 34anni alla ricerca di un impiego, che ad oggi si trovano costretti a vivere con la paghetta dei genitori. Lo rende noto Coldiretti, su dati Eurostat, specificando che a Livello Nazionale la mancanza di lavoro costringe i giovani a restare a casa con i genitori fino a 30,1 anni, quattro in piu’ rispetto alla media europea di 26 anni.

Le difficoltà economiche, con un mercato del lavoro altalenante dove si registra, a livello nazionale, un tasso di disoccupazione del 31,7% costringono sempre più giovani a rimandare i progetti di indipendenza ad un futuro che non sembra neanche troppo vicino. Una situazione di disagio sociale che non di rado spinge i nostri giovani a cercare lavoro all’estero. La Liguria non fa eccezione, con un tasso di disoccupazione maschile che si è attestato a 10,6%, mentre quello femminile addirittura all’11,7%. Molti però sono i giovani under 40 che hanno scelto di provare la strada del lavoro autonomo in agricoltura, aprendo una propria azienda o rilevando quella della famiglia. È così che nel 2017 è stata registrare in Liguria la presenza di quasi 900 imprese giovani (il 10% in più rispetto al 2016), numero che continua costantemente a crescere e che aiuta i ragazzi a non abbandonare il territorio.

“La Liguria – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gerolamo Calleri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa – come il resto d’Italia vive le difficoltà proprie della ricerca di un lavoro stabile. A dare una boccata d’ossigeno ai giovani in una Regione a vocazione turistica come la nostra, è il lavoro stagionale, ma questo non basta per dare stabilità, sicurezza e possibilità di realizzazione. È per questo che molti hanno scelto di costruirsi un’indipendenza in agricoltura e nell’allevamento, scelta consapevole e non soluzione di ripiego in tempo di crisi: la terra ligure, tra le più care d’Europa, non facilita l’entrata dei giovani e proprio per questo i ragazzi che scelgono il lavoro agricolo sono determinati e convinti.

Come Coldiretti, nonostante il ritorno all’agricoltura giovi al nostro territorio e alla nostra società, riteniamo che il nuovo Governo debba identificare come priorità da risolvere il mancato inserimento dei giovani nel mondo del lavoro: questa è una perdita di risorse insopportabile per un Paese vecchio come l’Italia che deve tornare a crescere in modo deciso. Non possiamo più permetterci che i ragazzi abbandonino i nostri territori.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Ecco lo Spezia 2018/19, che campionato farà?


































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News