Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 06 Aprile - ore 22.10

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Leonardo e Mbda, sì all'apertura. Ma è in arrivo un nuovo elenco Ateco

La prefettura ha concesso nella giornata di ieri l'autorizzazione alla prosecuzione dell'attività per i due stabilimenti che producono armi. Intanto il governo ha accolto alcune richieste dei sindacati ed emetterà un nuovo decreto.

Colpi di scena a ripetizione

La Spezia - La prefettura della Spezia ha autorizzato nel tardo pomeriggio di ieri l'apertura e lo svolgimento dell'attività lavorativa all'interno degli stabilimenti spezzini di Leonardo e Mbda. Ma nelle prossime ore è attesa la pubblicazione da parte del governo di un nuovo elenco di tipologie di aziende produttrici che potranno rimanere aperte concordato con le segreterie nazionali di Cgil, Cisl e Uil e dunque potrebbe cambiare nuovamente tutto.
Per il momento si prende atto che è caduto nel vuoto l'appello lanciato da Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm nei giorni scorsi, mentre viene colto in contropiede il sindaco Pierluigi Peracchini, la cui richiesta di chiusura delle fabbriche del comparto difesa ha fatto appena in tempo a giungere in redazione ed essere pubblicata prima di essere resa vana e superata dai fatti.

Sugli argomenti retorici portati dal sindaco (leggi qui) aveva già prevalso alcune ore prima la verifica del rispetto delle disposizioni dettate dall'ultimo decreto del governo.
Alla lettera "H" dell'articolo 1 del decreto del 22 marzo si legge: "sono consentite le attività dell'industria dell'aerospazio e della difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica per l'economia nazionale, previa autorizzazione del Prefetto della provincia ove sono ubicate le attività produttive".
La prefettura spezzina ha dunque verificato il rispetto delle misure di sicurezza della salute dei lavoratori previste dall'emergenza sanitaria in atto.
Negli ultimi giorni i dipendenti che varcano le porte dello stabilimento sono poche decine: gran parte degli impiegati sfrutta lo strumento del telelavoro, mentre tra gli operai è in corso una turnazione ad hoc. Le stesse precauzioni sono state prese negli altri siti industriali del gruppo sparsi per l'Italia e anche nelle altre realtà le prefetture hanno dato l'ok alla produzione.

Non resta ora che attendere per vedere se l'industria dell'aerospazio e della difesa sarà ancora annoverata tra le categorie che possono tenere aperti gli stabilimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News