Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Gennaio - ore 20.02

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Le sfumature del Dpcm: le chiusure non sono totali, resta l'asporto

Antonella Simone di Confartigianato spiega: "L'allarme c'è comunque anche se le attività possono continuare a lavorare sull'asporto. Dopo le 18 c'è il divieto di consumare dentro i locali".

"confidiamo nei ristori economici annunciati"

La Spezia - Un Dpcm che fa discutere e una riunione che si terrà domani, tra associazioni di categoria e prefettura, per analizzare e cogliere il sentimento di chi opera in vari settori e si sente fortemente penalizzato dalle nuove decisioni del decreto. Mentre si attende il Decreto ristoro che cuberebbe fino a 5 miliardi e che annuncia fondi quasi immediati, da Confartigianato La Spezia arrivano alcune precisazioni in merito all'interpretazione del Dpcm senza dimenticare che alcune realtà esprimono forte preoccupazione per l'effetto delle chiusure anticipate.
A farsi portavoce dell'associazione di categoria è Antonella Simone: "Nell'articolo 1 del nuovo Dpcm alla lettera 'e' viene specificato chiaramente che i servizi della ristorazione, quindi ristoranti, bar, pasticcerie, gelaterie, pizzerie possono lavorare dalle 5 alle 18. Questo farebbe intuire una chiusura: in molti hanno colto solo questa prima parte e c'è grande allarme. L'articolo però prosegue e specifica che comunque possono proseguire fino alle ore 24 le attività di asporto e di consegna a domicilio. Questo significa che non bisogna consumare all'interno del locale ma si possono eseguire acquisti e consumarli in un altro luogo".

"E' chiaro che comunque tutte le attività sono in allarme nonostante gli sforzi compiuti per garantire la sicurezza di tutti - prosegue Simone -. Ripetiamo dunque che le attività sopracitate possono continuare a lavorare anche dopo le 18, l'importante che non si vengano a creare assembramenti dentro e fuori dai locali. Noi dunque invitiamo i clienti a consumare, quindi ad acquistare. Per i ristoranti il discorso assume anche un altro peso: sono penalizzati perché perdono gran parte del loro servizio serale. Stiamo lavorando a livello nazionale e con l'incontro i prefettura cercheremo di modificare alcune restrizioni. Quando chiude un'attività non ne paga le spese solo una persona c'è tutta una famiglia che non mangia e la situazione si ripercuote anche sui dipendenti e le loro famiglie. Confidiamo nei ristori annunciati e che possano essere davvero di sostegno all'economia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News