Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Marzo - ore 19.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Le nostre piaghe? Prelievo fiscale, abusivismo e contraffazione

Mentre in Italia sono preoccupanti i dati relativi alla criminalità e alla sicurezza, la Liguria sembra essere toccata marginalmente. Ma i problemi ci sono comunque, a partire dalla burocrazia.

LEGALITA' MI PIACE
Le nostre piaghe? Prelievo fiscale, abusivismo e contraffazione

La Spezia - Per analizzare e denunciare l’entità e le conseguenze che i fenomeni illegali hanno sull’economia, Confcommercio Imprese per l’Italia della Spezia ha proposto, anche quest’anno, l'iniziativa 'Legalità mi piace'. Lo scopo è come sempre quello di mettere un freno all’illegalità, a tutti quei fenomeni che mettono a dura prova economia, imprese e lavoratori.
L'iniziativa nazionale si è svolta nella giornata di ieri, mercoledì 21 novembre, a Roma. Presenti, tra gli altri, il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli e il Ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Alla Spezia, i dati emersi dall'indagine sui fenomeni criminali sono invece stati discussi oggi nella sede di Confcommercio, in via Fontevivo. Alla conferenza stampa erano presenti il presidente e il direttore di Confcommercio La Spezia: Gianfranco Bianchi e Roberto Martini. "In Liguria il dato relativo alla percezione della mancanza di sicurezza è significativamente inferiore rispetto a quello italiano - ha detto il presidente Gianfranco Bianchi - e nel Levante ci sono ancora meno fenomeni malavitosi rispetto al Ponente. Si rileva invece una forte preoccupazione rispetto al problema dell’abusivismo e della contraffazione. Queste, a livello regionale, sono le due voce più sentite. La Liguria, rispetto al resto di Italia, – ha aggiunto il presidente – è ancora troppo tollerante su questi fenomeni. I liguri sono inoltre contrari all’inasprimento delle pene, ma ciò che viene richiesto con forza è la certezza della pena".

L’indagine viene messa in piedi ogni anno con il supporto di Gfk Italia, per avere un’istantanea sulla criminalità e come questa colpisce le imprese del commercio, del turismo, dei servizi e dei trasporti. I dati presentati oggi sono molto recenti in quanto raccolti tra il 24 settembre e il 31 ottobre e a cui hanno partecipato quasi 5mila imprese liguri. Sulla questione interviene anche il direttore Martini: "L’incertezza della pena rischia di avere, tra le conseguenze, quella di ritenere inutile sporgere denuncia qualora questo sia necessario. Invitiamo sempre a farlo. Denunciare sempre è fondamentale per poter permettere alle forze dell’ordine di intervenire e di recepire dati reali sulle zone più a rischio".
Proseguendo nell’analisi dei dati emerge inoltre come la Regione risenta di un eccessivo prelievo fiscale e burocratico. Questi sono i due problemi più percepiti nel Paese e in Liguria il dato è ancora più elevato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News