Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 13 Dicembre - ore 22.26

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

La Toto Costruzioni ribadisce: "Opere di stabilizzazione del versante sono necessarie"

Il cantiere della Variante Aurelia è fermo da un anno e si rimpallano le responsabilità. La ditta: "Nessuna strumentalizzazione, cassa integrazione improrogabile. Affrontare la messa in sicurezza dalla frana".

La Toto Costruzioni ribadisce: "Opere di stabilizzazione del versante sono necessarie"

La Spezia - "La decisione non facile e dolorosa di avviare le procedure per il licenziamento collettivo dei dipendenti nel cantiere di La Spezia non è certo stata presa a cuor leggero ma è stata una scelta obbligata poiché le attuali norme prevedono che la cassa integrazione non possa superare le 52 settimane". Toto Costruzioni, la ditta affidataria delle opere del terzo lotto della Variante Aurelia, torna sull'attualità, ricordando che il termine massimo per la Cig scade il 24 gennaio. "Da parte nostra, per ridurre al massimo gli effetti sociali e occupazionali di questa situazione, abbiamo proposto ai lavoratori se erano disposti a trasferirsi in altri cantieri. Circa 75 lavoratori dei 160 del cantiere di La Spezia oggi lavorano su altre nostre commesse".

Per la variante di La Spezia è passato così un altro anno e i problemi relativi alla realizzazione di alcune opere sono ancora irrisolti. "Per questo motivo i lavori non possono proseguire, non certo per la volontà della Toto Spa - ribadisce la società romana in una nota -. Non hanno senso e rigettiamo le affermazioni che ci attribuiscono lo scopo “di voler far lievitare il costo dell’appalto”. Per il semplice motivo che una soluzione su questo punto era stata trovata tra Anas e Impresa. Quello che continuiamo a ripetere è che occorre sbloccare l’opera nella sua interezza, se si vuole realmente realizzare la Variante. Solo così si salvaguardano i posti di lavoro. Per inciso i licenziamenti colpiscono prevalentemente i lavoratori delle gallerie all’interno delle quali, a causa degli imprevisti geologici, è impossibile proseguire tecnicamente ed in sicurezza i lavori. Un lavoro così complesso va infatti gestito unitariamente, proprio per evitare diseconomie, extracosti e allungamento dei tempi. Le parti devono agire con “concretezza” e non “inscenare” una ripresa dei lavori".

Oggi la situazione è la seguente, nella ricostruzione fatta dall'azienda: "C’è una galleria, la Felettino I, che deve attraversare una frana in prossimità dell’abitato di Carozzo. L’Anas ha chiesto all’Impresa di sviluppare una soluzione tecnica che limita la stabilizzazione del sito ai soli terreni immediatamente adiacenti la galleria. E' stato sviluppato un progetto, come da prescrizioni Anas, che tuttavia non affronta in alcun modo la stabilizzazione del versante né i possibili effetti della frana. In altre parole, i rischi della soluzione chiesta dal Committente sono due: lavorando sotto la frana c’è il concreto rischio di riattivarla, sia durante i lavori di realizzazione della galleria, sia in una fase successiva. In entrambi i casi il movimento franoso coinvolgerebbe l’abitato di Carrozzo, con i comprensibili effetti".

La Toto, che di questo lavoro è anche progettista, ritiene di avere precise responsabilità civili e penali, presenti e future, e ha pertanto deciso di sviluppare, in aggiunta a quanto richiesto da Anas, una soluzione di presidio della frana, idonea ad assicurare la stabilità del versante. "Soluzione questa che, a nostro giudizio, finora non viene presa in debita considerazione. Il punto vero di distinguo, la vera divergenza tra le parti è sulla necessità o meno di realizzare, per la galleria Felettino I, le opere di stabilizzazione del versante in frana, che l’impresa come progettista ritiene necessarie e sulle quali Anas invece non ha ancora assunto una decisione chiara e definitiva. Riprendere i lavori davanti a una situazione così complessa ed irrisolta non è concretamente possibile. Per questo ci auguriamo che si arrivi a una definizione unitaria e siamo pronti a riavviare le attività nei tempi più rapidi possibili, purché in presenza di un quadro definito e dettagliato dell’intera attività da svolgere".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








VIDEOGALLERY



Quanto spenderete per i regali di Natale?


































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News