Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Settembre - ore 10.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La Cisl non le manda a dire: "Non siamo d'accordo sull'autonomia regionale della portualità"

Moretti: "La nuova Adsp che unisce la Spezia a Carrara funziona benissimo. Con quell'approdo invece si creerebbe una concorrenza assurda tra gli stessi scali".

sullo sfondo un'autorità portuale unica a genova
La Cisl non le manda a dire: "Non siamo d'accordo sull'autonomia regionale della portualità"

La Spezia - “Siamo contrari al percorso intrapreso dalla Regione Liguria sulla proposta di autonomia relativa al tema infrastrutture,
portuale e logistica di cui si è anche discusso lo soro 7 febbraio durante l’incontro promosso dalla presidenza della Regione”. Lo ha detto Marco Moretti, segretario generale Fit Cisl della Spezia insieme ai delegati Rsa Gabriele Mariani e Francesco Tartarini. “Questo progetto va in senso direttamente opposto a quello della riforma della portualità che invece promuove l’individuazione di autorità di sistema degli scali permettendo loro di esercitare un ruolo di primo livello”, ha aggiunto Moretti. “Ricordo a tutti che la Spezia è il secondo porto “core” d’Italia e l’aggregazione con Marina di Carrara che ha fatto nascere l’Autorità di sistema portuale del mar Ligure orientale sta funzionando molto bene - ha spiegato - La richiesta di autonomia invece rischia di togliere ai nostri scali la possibilità di avere una visione più generale delle problematiche inerenti la logistica e, allo stesso tempo, creerebbe una concorrenza assurda tra gli stessi scali che devono competere con la portualità del Nord Europa per cui serve una visione strategica nazionale”.

Ha concluso: “La Fit Cisl ribadisce l’importanza della portualità nella nostra regione ma allo stesso tempo nel territorio. Il rapporto con la città è stato costruito negli anni con un duro lavoro e chiediamo con forza che le parti politiche e
imprenditoriali salvaguardino quanto è stato creato perché il porto da sempre rappresenta una parte fondamentale
dell’economia spezzina oltre a essere un importante motore occupazionale. Senza dimenticare che da tempo il nostro scalo è inserito nelle reti Ten-T raggiungendo anche importanti livelli di sicurezza, efficienza e di ottimo impatto ambientale oltre alla recente crescita del polo crocieristico che porta alla Spezia importanti ricadute. Auspichiamo infine
che si proceda agli investimenti previsti dal Piano regolatore portuale che vedono protagonisti gli operatori portuali Lsct e Tarros”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News