Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Marzo - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

L'Its spezzino tra i primi venti in Italia e centoventi corsisti in sette anni

Altissime percentuali di occupazione, formazione gratuita e "scuola a tempo pieno". L'Istituto tenico superiore ha presentato in confindustria un nuovo corso biennale finanziato grazie al suo sitema "virtuoso".

Industria 4.0
L'Its spezzino tra i primi venti in Italia e centoventi corsisti in sette anni

La Spezia - L'ottanta per cento degli studenti che ha frequentato l'Istituto tecnico superiore ha trovato lavoro. Il grado di studio è il più alto della provincia ed è indipendente da quello fornito dal Polo universitario perché le lauree provengono dall'Università di Genova. L'istituto tecnico superiore è pubblico e soprattutto gratuito. Inoltre, l'Its spezzino risulta tra i primi 20 a livello nazionale, su 80 sedi e con 120 corsisti dalla sua fondazione. Sono questi, in piccolo, i dati della scuola superiore di Via Doria che proprio per i suoi percorsi virtuosi ha ottenuto un nuovo finanziamento dal Miur, di centomila euro, con il quale ha attivato un nuovo corso per "Tecnico superiore per la digitalizzazione dei sistemi e dei processi industriali".
L'Its della Spezia, sotto la presidenza dell'ingener Roberto Guido Sgherri, in questo modo ha attivato l'ottavo corso. L'esperienza dell'Istituto tecnico superiore è partita nel 2011 e oggi, sul territorio spezzino, va colmare tutti i gradi di formazione che possono interessare al mercato del lavoro per i settori nautico e navalmeccanico e della logistica in un'ottica di impresa 4.0. La presentazione del nuovo corso si è tenuto questa mattina in Confindustria la Spezia.
"Assieme alla San Lorenzo Academy - ha spiegato Francesca Cozzani di Confindustria la Spezia - Its va completare un percorso importante. Queste realtà permettono di recepire con esattezza quello che serve alle aziende del territorio. Le percentuali di collocamento degli studenti, che affrontano i corsi con grande entusiasmo, è altissimo".
La Fondazione ITS della Spezia, 'Nuove Tecnologie per il Made in Italy: settore meccanico/navalmeccanico - cantieristica da diporto', proprio in virtù dei positivi risultati raggiunti nei corsi realizzati, fa parte delle realtà individuate come 'virtuose'. Il Mise ha perciò accordato un finanziamento integrativo alla programmazione ordinaria, per la realizzazione di un percorso ITS che sia focalizzato su aspetti inerenti ad Impresa 4.0. Questa opportunità si integra perfettamente, a livello regionale, con gli obiettivi perseguiti dal Digital Innovation Hub del Sistema Confindustriale Ligure, costituitosi proprio con la finalità di promuovere e sostenere i processi di trasformazione digitale delle Imprese, sempre in coerenza con gli obiettivi del Piano nazionale Impresa 4.0.
"Il dato sull'occupazione per quanto riguarda lo Spezzino - ha dichiarato a margine della conferenza l'ingegner Sgherri - è stabile (80 per cento di occupati) ed è calcolato su 14 mesi che comprendono il periodo di stage nelle aziende e le assunzioni con contratti a tempo determinato e inderminato. Ai corsi partecipano anche studenti che provengono fuori regione. Its con il suo percorso non solo forma non soltanto progettisti puri ma investe anche in quelle che sono le nuove richieste del mercato per tutto quello che concerne la digitalizzazione e la logistica. L'Its è una scuola a tempo pieno, che dura due anni . Assieme a Cisita e Scuola nazionale dei trasporti e logistica riusciamo a garantire un altissimo grado di formazione".
Its La Spezia realizzerà dunque a partire dal prossimo dicembre, in partnership con DIH Liguria e con la collaborazione didattica di Cisita Formazione Superiore e di Scuola Nazionale Trasporti e Logistica, un percorso ITS specifico 'Tecnico Superiore per la Digitalizzazione dei Sistemi e dei Processi Industriali', fortemente orientato agli aspetti di digitalizzazione e innovazione.
"Abbiamo creduto fin dall'inizio nell'esperienza dell'Istituto tecnico superiore - ha dichiarato Paolo Povesi presidente del Cisita formazione superiore - . Gli Its nascono durante la riforma Gelmini e sul territorio nazionale rappresentano un salto in avanti con un diploma riconosciuto a livello europeo. In Italia c'è ancora molto da fare. Se pensiamo alla Germania gli istituti di questo genere sono 800 in tutto il paese".
"Questo nuovo corso - ha spiegato Pier Gino Scardigli presidente della Scuola nazionale dei trasporti della Spezia - è assolutamente innovativo e va a colmare un settore come quello della logistica in un'ottica moderna e spendibile nel mondo del lavoro".
Come accedere. Sono disponibili 25 posti per il nuovo corso di Its. I bandi per questo e gli altri di meccanica e navalmeccanica scadranno il 30 novembre. Il corso "Tecnico superiore per la digitalizzazione dei sistemi e dei processi industriali" prevede la realizzazione di un focus su due macro-ambiti che, in maniera integrata, partecipano alla catena del valore territoriale: digitalizzazione dei processi produttivi e digitalizzazione dei processi di logistica e trasporto.
La figura professionale formata, sarà una figura che, pur in possesso di competenze verticalizzate in ambito digitalizzazione, risulterà connotata da un'ampia visione di insieme dei processi che compongono la catena del valore territoriale e sarà chiamata a gestirne l'innovazione, anche interfacciandosi con figure omologhe che operano professionalmente in altri punti della catena (lean economy).
La finalità applicativa e l'orientamento ad uno specifico contesto produttivo, saranno assicurati dal periodo di stage professionalizzante (5 mesi) previsto nell'ambito del percorso.
La proposta di un percorso così delineato risponde ad una grande ed attuale sfida che il mercato pone. Il profondo cambiamento in atto nei processi detta infatti la necessità di formare figure professionali non semplicemente sostitutive di figure precedenti o che la rivoluzione digitale ha reso obsolete. Emerge infatti la necessità di figure professionali, quale quella proposta, che abbiano fulcro nel cambiamento stesso, avendo acquisito gli strumenti per assecondare e gestire l'innovazione.
Il corso avrà la durata di 1.800 ore (comprensivi del periodo di stage in azienda della durata di 5 mesi) e sarà rivolto a 25 allievi diplomati. Il termine per le iscrizioni è fissato per il giorno 30 novembre 2018, con avvio previsto il 17 dicembre 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News