Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 01 Ottobre - ore 14.11

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Imprese audiovisivo, le richieste alla Regione per aiutare il settore

La sezione dedicata di Cna con il portavoce Carassale: "Chiediamo di essere inseriti in tutte le iniziative di sostegno al comparto turistico".

"Risorse da Liguria digitale"
Imprese audiovisivo, le richieste alla Regione per aiutare il settore

La Spezia - "Come sarebbe la nostra società senza cultura? La lista degli interessi culturali è lunghissima: ascoltare musica, andare a teatro, al cinema, entrare in un museo o semplicemente guardare la TV. Dietro a tutte queste proposte culturali esiste un tessuto di persone ed aziende che ogni giorno lavorano e contribuiscono, non solo al nostro benessere, ma, e in maniera cospicua, al PIL nazionale". Lo ricorda Cna Cinema e Audiovisivo Liguria, che rappresenta il maggior numero delle 350 micro e piccole aziende regionali riconducibili al codice Ateco 59.11 (società di produzione cinematografica, post-produzione, distribuzione, aziende tecniche) e considerato che la rappresentanza della Confederazione si estende all'intera filiera dell'industria dell'intrattenimento culturale, che va dai classici luoghi di fruizione (cinema, teatri, musei, spettacoli dal vivo) a tutte le attività legate all’intrattenimento turistico (fiere, mostre eventi sportivi, concerti,festival, promozione, ecc), parliamo di una reale presenza in Liguria, economica e umana, costituita da oltre tremila addetti fra imprese, professionisti, partite iva, lavoratori stagionali, a progetto e occasionali. Al pari di altri settori anche il mondo della cultura e delle produzioni è fermo. Per questo i professionisti liguri del comparto hanno bisogno urgentemente d’aiuto.

“Abbiamo inviato all’attenzione del Presidente Toti e degli assessori competenti un nostro appello e delle proposte per poter sostenere l’industria dell’intrattenimento culturale in questo momento difficilissimo conseguenti all’emergenza Covid-19 - spiega il portavoce di Cna Cinema e Audiovisivo La Spezia Saul Carassale -. Una parte consistente della nostra attività è legata alla creazione di iniziative per l'intrattenimento turistico, pertanto, chiediamo che anche il nostro comparto sia inserito in tutte le iniziative che la Regione intende attivare a sostegno delle aziende che operano nell'attività turistica al pari di alberghi, ristoranti e stabilimento balneari. E’ indispensabile, inoltre - prosegue Carassale -, intervenire per modificare alcune norme, che in uno stato di emergenza economica come quello che stiamo vivendo, rischiano di far naufragare i progetti già finanziati dalla Regione nei due Bandi Attivi per il settore audiovisivo, gestiti dalla Filse (FESR POR Liguria 2014-2020). Per esempio è stato chiesta la sospensione del DURC al momento delle richieste anticipi o saldo da parte delle aziende, vista l’eccezionale situazione economica che rende impossibile per le micro e piccole attività rispettare gli impegni fiscali e garantire una corretta regolarità contributiva. In oltre è stato chiesto una proroga sui tempi di chiusura dei progetti superiore ai 59 giorni, visto che le produzioni cinematografiche saranno fra le ultime a ripartire e non potendo finire le opere in produzione, non è possibile metterle sul mercato, quindi non si riescono a generare introiti per le aziende. Infine, come aziende audiovisive liguri auspichiamo di poter utilizzare risorse di Liguria Digitale per produrre alcuni dei nostri progetti per il rilancio economico del territorio”.

“L’attuale situazione ci deve far riflettere sulla fragilità del nostro sistema economico, sono bastate poche settimane di paralisi per mettere in ginocchio quasi la totalità delle PMI. Occorre una seria e matura riforma fiscale associata ad una de-burocratizzazione del sistema Paese - conclude il portavoce di Cna Cinema e Audiovisivo La Spezia -, altrimenti la concorrenza e la contaminazione da parte dell’abusivismo, anche nel nostro comparto, complicherà e aggraverà ancora di più la situazione a danno di chi con anni di lavoro, competenze, aggiornamenti ed esperienze è in grado di assicurare sul territorio un servizio professionale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News