Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Agosto - ore 19.45

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Francesi gioia degli albergatori spezzini, sorpassati gli States

E dal Nord Europa arriva un segnale contro il mordi e fuggi. Calano cinesi, giapponesi, russi e brasiliani.

Francesi gioia degli albergatori spezzini, sorpassati gli States

La Spezia - Ormai, in terra spezzina, il sorpasso dei francesi sugli americani è fatto: lo dicono i resoconti dell'Osservatorio regionale sul turismo, basati sui dati forniti dalle strutture ricettive (alberghiere ed extra alberghiere). Per quanto riguarda gli arrivi tra Golfo, Cinque Terre ed entroterra, il turismo a stelle e strisce nel 2016 è ancora leggermente in avanti: 89mila arrivi, contro gli 87.600 francesi. Ma va detto che, se il dato Usa perde il 4.5% rispetto al 2015, quello transalpino è salito di 14.5 punti percentuali. Guardando alle presenze - cioè le notti dormite tra alberghi, affittacamere, b&B ecc. - ecco che il sorpasso si concretizza: 243mila sonni per i galletti (51mila in più rispetto al 2015!), 200mila (oltre 208mila nel 2015; il calo è quindi dell'8%) per chi è arrivato dagli States. Assieme, i turisti francesi e statunitensi fanno un terzo degli arrivi stranieri totali del 2016, che sono 537mila (+5.5% rispetto al 2015) e poco meno di un quinto delle presenze in struttura.

La terza 'potenza' è la Germania: 45.700 gli arrivi spezzini nel 2016 (+4%), 171mila le notti dormite (+3.5%). La Cina perde lo scettro di quarta forza sul fronte arrivi, scontando un importante calo: da 31.500 a 24mila (giù anche le presenze: da 45.500 a 39.500). Numeri in discesa anche per l'altro volto del turismo con gli occhi a mandorla: nel 2016 infatti gli arrivi (3mila) e le presenze (5.300) giapponesi sono calati del 18 e dell'11 per cento.

I boom

Sia sul fronte arrivi, sia su quello presenze, si registrano alcuni incrementi significativi. L'Argentina passa da poco più di 7mila a quasi 10mila arrivi e da 14mila a 20mila notti dormite. Il Belgio passa da 9mila a 11.300 arrivi e da 30.700 a 40.700 presenze. Si rafforza il turismo indiano: 2.346 gli arrivi 2016 (+30% sul 2015), oltre 5mila le presenze (+58%). L'Olanda cresce, continuando a portare numeri di tutto rispetto: 22.400 arrivi (+13%) e 94.800 presenze (+13.5%). Su i numeri della Romania: da meno di 3.400 a quasi 5mila arrivi e da 9mila a oltre 20mila notti. Incrementi anche per quanto concerne Spagna (17.300 arrivi, +3.8%; 36mila presenze, +21%) e Svizzera (29mila arrivi, +17.5%; 86mila presenze, +18.8%).

Chi cala

Menzionati i decrementi di Cina, Giappone e Stati Uniti, vale la pena segnalare qualche altro segno meno. Ha il suo peso quello brasiliano: gli arrivi nel 2016 sono stati 7.390, oltre 2mila in meno rispetto al 2015; le presenze, poco più di 15mila, sono scese del 19 per cento. Doppio segno meno anche sul fronte russo: quasi 9 punti percentuali persi sia per gli arrivi (meno di 5.300 nel 2016) sia per le presenze (15.400).

Top Ten arrivi stranieri 2016

Stati Uniti 88.991 (-4.5% rispetto al 2015)
Francia 87.639 (+19.9%)
Germania 45.733 (+9.8%)
Svizzera e Lichtenstein 29.012 (+17.5%)
Australia 28.869 (-1.3%)
Cina 24.101 (-23.5%)
Olanda 22.408 (+13.2%)
Canada 21.202 (-7.5%)
Regno Unito 20.811 (+9.3%)
Spagna 17.265 (+28.8%)

Top Ten presenze straniere 2016

Francia 243.235 (+26.8% sul 2015)
Stati Uniti 200.569 (-3.8%)
Germania 171.405 (+3.5%)
Olanda 94.783 (+13.5%)
Svizzera e Lichtenstein 86.675 (+18.8%)
Australia 73.32 (-1.2%)
Regno Unito 57.383 (+10.9%)
Canada 50.289 (-2.9%)
Belgio 40.681 (+32.3%)
Cina 39.597 (-13.1%)

I dormiglioni

Come emerge dalle due Top Ten, ci sono nazionalità più propense a un turismo con pernottamenti più lunghi. Gli statunitensi, in media (il dato si ottiene rapportando presenze e arrivi), dormono poco più di due notti spezzine a testa. Gli olandesi, quasi cinque; i belgi quasi quattro. La tendenza sembra ben radicata anche nel resto del Nord Europa: la Svezia infatti fa registrare, nel 2016, 12.700 arrivi e 38.500 presenze; la Norvegia, 10.800 e 35.400; la Danimarca, 6.400 e 25.400. Ad ogni modo, non va sottovalutato l'approccio vacanziero della regina Francia, visto che il rapporto tra arrivi e presenze parla chiaro: 2.7 notti spezzine sonnecchiate a testa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure