Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 21 Luglio - ore 22.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Flp Difesa al ministro: "Attuare il cambiamento più volte promesso"

Il sindacato autonomo dei lavoratori dell'arsenale si rivolge a Elisabetta Trenta, in visita oggi alla Spezia nell'ambito di Seafuture.

710 dipendenti civili
Flp Difesa al ministro: "Attuare il cambiamento più volte promesso"

La Spezia - Nel giorno in cui il neo ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, sarà alla Spezia per una visita a Seafuture 2018, il sindacato Flp Difesa interviene per avanzare le sue richieste per il rilancio dell'arsenale militare.
"Da sempre abbiamo sostenuto la necessità di un rilancio dell’arsenale della Spezia - fa sapere Giuseppe Lo Bono, coordinatore provinciale della sigla - attraverso operazioni concrete: sblocco del turn-over, realizzazione del Piano Brin, riapertura della ex scuola allievi operai e internalizzazioni delle lavorazioni affidate a ditte esterne. All’interno della base navale ci sono professionalità, dai falegnami agli addetti al cordame per passare poi agli specialisti del settore navalmeccanico ed elettronico, che dovrebbero essere conservate, sostenute e messe in condizione di trasferire il proprio know-how anche attraverso l’assunzione e formazione di nuovi allievi operai".

Secondo Flp Difesa, che scrive proprio nel giorno in cui Trenta visiterà per la prima volta l'arsenale spezzino, rivolgendosi quindi proprio alla titolare del dicastero, "il punto di partenza non può che essere la definizione della riorganizzazione degli arsenali, che dovrebbe vedere la luce entro la fine dell’estate con l’emanazione da parte del capo di stato maggiore della Marina delle nuove tabelle organiche, prevedendo per la componente civile una riduzione dalle originarie 1.481 unità del 1998 alle 836 attuali.
L’attuale organico reale dell’Arsenale della Spezia - afferma Lo Bono - è pari a 710 dipendenti civili. E’ di tutta evidenza come sia imprescindibile concretizzare una necessaria razionalizzazione dell’attività produttiva e un riallineamento delle strutture organizzative interne che sia propedeutica a rilanciare le funzioni dell’arsenale. L’auspicio è che, appena il ministro affiderà le deleghe ai nuovi sottosegretari, si possa attuare quel cambiamento di rotta troppe volte promesso e mai realizzato. Ci auguriamo che sulle nostre proposte ci possa essere convergenza d’intenti sia da parte di tutte le parti sociali sia da quelle politiche del nostro territorio. Su questi aspetti avvieremo una fase di informazione e di comunicazione che vedrà coinvolti i lavoratori ed i cittadini".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Come ogni estate, non c'è un giorno senza sagre. Che ne pensate?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News