Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Marzo - ore 23.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Fiom, Tivegna confermato alla guida: "Polo Difesa è un'urgenza"

Fiom, Tivegna confermato alla guida: "Polo Difesa è un'urgenza"

La Spezia - Mattia Tivegna è stato confermato segretario provinciale della FIOM CGIL. Lo ha deciso l’assemblea congressuale della categoria dei lavoratori metalmeccanici, riunita oggi nella splendida location della Ex Vaccari. Un congresso molto partecipato da delegati ed ospiti.

“L’industria della Difesa, con la presenza della divisione militare di Fincantieri, Leonardo, MBDA, della base della Marina Militare, dell’Arsenale e dell’indotto, rappresenta storicamente l’asset principale della nostra economia- ha detto Tivegna durante la sua relazione- la Legge Navale, con i suoi 5,8 milioni di euro per il rinnovo della flotta della Marina che vede come “prime contractor” le nostre imprese, deve rappresentare un volano per la riorganizzazione del settore e la crescita occupazionale. In questo contesto, la costituzione di un Polo della Difesa diventa urgente, in sinergia con tra le nostre industrie, il Polo Marconi, la Marina gli Enti di ricerca e di formazione. Un Polo riferimento nazionale ed internazionale.”

Fondamentale il ruolo della Marina: “Arsenale e Marina, con il loro patrimonio di competenze e la messa a disposizione di aree sottoutilizzate, svolgeranno un ruolo decisivo sul piano industriale e logistico. Anche per il settore della nautica da diporto, per le attività di costruzione, manutenzione e refitting, l’utilizzo dei bacini dell’Arsenale potrebbe costituire una importante opportunità.”

Tivegna si è anche soffermato sul tema dei diritti e delle condizioni di lavoro: “E’ necessario combattere una battaglia per tutti quei lavoratori che operano in regime di appalto e sub appalto. Sono lavoratori deboli e ricattabili, e spesso stranieri. Dobbiamo costruire vertenze territoriali con strumenti di solidarietà e percorsi di integrazione. Altro aspetto fondamentale sul quale dovremo intervenire è quello della sicurezza sul lavoro, con nuovi investimenti che rimettano in grado gli enti preposti di compiere i controlli nei luoghi di lavoro.”

Il Congresso è stato chiuso da Gianni Venturi, segreteria nazionale Fiom Cgil

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News