Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Agosto - ore 22.15

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Fincantieri, le strategie dei francesi preoccupano Cgil

Lo stop all'acquisto di STX da parte di Macron getta ombre anche al Muggiano. Fiom: "Quali conseguenze sull'occupazione? Parlino anche il sindaco e il governatore della Liguria".

Fincantieri, le strategie dei francesi preoccupano Cgil

La Spezia - Le segreterie della Camera del Lavoro e della Fiom Cgil della Spezia intervengono con una nota congiunta sulla questione Fincantieri-Saint Nazaire: “Un'operazione, quella voluta dal governo francese, che potrebbe mettere a serio repentaglio le strategie di sviluppo di Fincantieri e comportare problemi diretti per il cantiere del Muggiano. La decisione di congelare l'accordo e statalizzare temporaneamente l'azienda, rischia di mettere Fincantieri dinnanzi a due strade, entrambe pericolose: un nuovo accordo che non garantirebbe più la leadership dell'azienda italiana e quindi potrebbe ridimensionare la costruzione di navi militari nel nostro Paese; oppure, non concludere nessun accordo, condizione che rischia di estromettere Fincantieri dal progetto dell’airbus dei mari.”

Continua la nota: “Entrambi gli scenari possono provocare ripercussioni negative sul tessuto tecnologico ed industriale spezzino, con inevitabili ricadute sui lavoratori del cantiere e dell’indotto. Riteniamo doveroso che l'azienda non si sottragga ad un confronto immediato sulle strategie di sviluppo industriale futuro e, anche in relazione agli ormai imminenti nuovi carichi di lavoro determinati dall'approvazione della “Legge Navale” e dalla commessa del Qatar, un confronto sul futuro produttivo del sito del Muggiano. Vogliamo discutere degli investimenti e del modello produttivo, che per CGIL e FIOM dovranno prevedere un forte ricorso a nuove assunzioni e un recupero e rilancio delle professionalità andate perdute nel tempo.”
“L’esito di questa trattativa avrà inevitabili conseguenze anche su altre due importanti aziende del territorio, Leonardo Finmeccanica e MBDA. FIOM e CGIL chiedono alle istituzioni territoriali e regionali di esprimersi su questa vicenda che coinvolge direttamente il nostro tessuto industriale. E' urgente anche l’attivazione di un tavolo di confronto che preveda necessariamente la presenza delle aziende coinvolte, concludono FIOM e CGIL.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure