Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Agosto - ore 11.29

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Emissioni pubbliche in calo del 13% in dieci anni. Raddoppio vicino

La società di consulenza Ambiente Italia certifica i risultati delle politiche energetiche messe in atto dal Comune della Spezia a partire dal 2009. Le previsioni di miglioramento rispetto al 2007 sono a portata di mano.

Emissioni pubbliche in calo del 13% in dieci anni. Raddoppio vicino

La Spezia - "Alla fine del 2016 gli interventi realizzati e conclusi hanno garantito una riduzione pari a poco più del 13% delle emissioni del settore pubblico calcolate nell’anno 2007. Gli interventi messi in atto nel corso degli ultimi anni e non ancora completati o parzialmente realizzati, sommati a quanto già concluso, sono in grado di determinare una riduzione delle emissioni di CO2 equivalente a poco meno del 23% delle emissioni del settore pubblico calcolate nell’anno 2007". Sono le conclusioni alle quali giunge Ambiente Italia, società di consulenza ambientale che ha redatto uno studio sulle politiche energetiche del Comune della Spezia nell'ambito del progetto "La Spezia 20.20".

"La politica energetica del Comune della Spezia, prende le mosse, nel 2009, dalla Redazione del Piano Energetico Ambientale Comunale, in un momento in cui il dibattito nazionale ed europeo sulle tematiche energetiche stava assumendo una valenza strategica - prosegue Ambiente Italia - soprattutto grazie allo sviluppo di un quadro normativo che iniziava a portare la questione energetica “nelle case dei cittadini”.
Il Piano Energetico, si poneva l’obiettivo di segnare e pianificare le tappe della politica energetica spezzina nel corso degli anni a venire, puntando verso obiettivi ambiziosi e politiche vincolanti in linea con le scelte della Commissione Europea. In particolare si assegnava enfasi ai temi legati all’utilizzo più razionale dell’energia, alla promozione del risparmio e dell’efficienza energetica, allo sviluppo e valorizzazione delle fonti rinnovabili con l’obiettivo complessivo di ridurre le emissioni di gas climalteranti in atmosfera e con un livello di applicazione del piano esteso ai vari settori di attività presenti a livello comunale. Negli anni a seguire i contenuti del Piano Energetico Comunale sono confluiti in un impegno ufficiale con la Commissione Europea attraverso l’adesione la Progetto del Covenant of Mayor nel 2012 e successivamente al Covenant Adapt nel 2014.
Gli esiti delle analisi energetiche effettuate a Spezia hanno delineato un bilancio energetico per anni segnato da una situazione di consumo ed emissioni complessivamente uniforme: in particolare fra 1990 e 2007 la dinamica di consumo del territorio comunale, escludendo i consumatori puntuali (Porto commerciale e Centrale Termoelettrica “Eugenio Montale”), presentava valori di energia finale consumata compresi fra i 1.300 e i 1.500 GWh. Il Piano Energetico prima e il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile poi hanno definito un quadro articolato di interventi con l’obiettivo di garantire una riduzione di questi consumi nel medio periodo (entro il 2020) di poco più del 20%. Le azioni valutate hanno riguardato in modo diffuso tutto il territorio, facendo riferimento sia al settore pubblico che al privato, e inquadrando il ruolo dell’amministrazione comunale nella cornice del pianificatore e programmatore del territorio, gestore e amministratore di beni e sostenitore di iniziative di ampia portata e rivolte alla popolazione e alle imprese. Facendo riferimento a questi tre ambiti si sono sviluppate e strutturate le scelte di piano che successivamente hanno trovato recepimento in parte nella strumentazione urbanistica (Allegato Energetico al Regolamento Edilizio) e in parte nelle scelte progettuali attuate direttamente dagli Uffici Comunali. Il monitoraggio del P.A.E.S. ha evidenziato che le riduzioni complessive conseguite rappresentano il 10% circa delle emissioni registrate nel 2007".

Nel settore pubblico, gli interventi realizzati hanno riguardato: la riqualificazione energetica di edifici e impianti termici; la sostituzione di lampade nell’impianto di pubblica illuminazione, in quelli semaforici e cimiteriali con sistemi a LED; l’installazione di impianti a LED anche in alcuni edifici pubblici; la diffusione del fotovoltaico sull’edilizia pubblica; l’adesione alle contrattualistiche di Servizio Energia per la fornitura di energia al patrimonio pubblico; la riqualificazione dell’edilizia popolare sia in termini di involucro che di impianto termico; le modifiche attuate sulla gestione del trasporto pubblico (crescita dell’utilizzo di filobus elettrici, svecchiamento dei mezzi più datati, implementazione di un sistema di bike-sharing).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure