Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Settembre - ore 23.56

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ecobonus, Cna mette in campo i suoi esperti. La sintesi del Dl Rilancio

cna
Ecobonus, Cna mette in campo i suoi esperti. La sintesi del Dl Rilancio

La Spezia - Come funziona l’ecobonus? A chi spetta l’indennità di mille euro? Quali sono le regole per il credito di imposta sugli affitti e sull’acquisto dei Dpi? Come districarsi tra gli oltre 260 articoli del Decreto Rilancio e conoscere al meglio tutte le possibilità di bonus e agevolazioni previste per le imprese e i cittadini? Nessun problema se ci pensa Cna. La recente pubblicazione definitiva del Decreto Rilancio ha ufficializzato numerosissimi provvedimenti per il mondo delle imprese e del lavoro e Cna La Spezia ha attivato un servizio ad hoc per aiutare aziende e cittadini ad orientarsi per non perdere nessuna opportunità. Per poter conoscere e sfruttare al meglio i dettagli delle misure gli uffici della Confederazione sono a disposizione per chiarimenti e supporto con uno sportello dedicato alle richieste di informazioni sul Dl Rilancio.


Ecco la sintesi di alcune delle principali misure
Contributo a Fondo Perduto (art.25 DL Rilancio)

Per le piccole imprese (inclusi lavoratori autonomi titolari di partita Iva o di reddito agrario) il decreto prevede un contributo a fondo perduto alle seguenti condizioni: Ricavi inferiori a 5 milioni di euro nel 2019; Diminuzione di fatturato o dei compensi, di aprile 2020 rispetto a aprile 2019, di almeno un terzo; Presentazione di un’istanza, esclusivamente online, all’agenzia delle Entrate entro 60 giorni dall’avvio della procedura telematica per la trasmissione delle domande; L’indennizzo viene calcolato applicando una percentuale alla differenza di fatturato registrata: 20% per i soggetti che nel 2019 hanno registrato ricavi o compensi al di sotto dei 400.000 euro; 15% sopra i 400.000 euro e fino a 1 un milione; 10% oltre un milione e fino a 5 milioni.

Credito d’Imposta per canoni di locazione (art.28)

Per le piccole imprese (inclusi lavoratori autonomi titolari di partita Iva) viene previsto un credito di imposta nella misura del 60% del canone di affitto dei mesi da marzo a maggio con: Ricavi inferiori a 5 milioni di euro nel 2019 (indipendentemente dai ricavi solo per le strutture alberghiere e agrituristiche); Diminuzione di fatturato, nel mese di riferimento, di almeno il 50%; Utilizzo del credito di imposta nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di riferimento.

Ecobonus e Sismabonus: incentivi per efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica per veicoli elettrici. Incremento della detrazione al 110 per cento per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 a fronte di specifici interventi, con fruizione della detrazione in 5 rate annuali di pari importo come credito d’imposta o sconto per l’importo corrispondente alla detrazione. Gli interventi di efficienza energetica specificamente previsti sono: interventi di riduzione del rischio sismico; installazione di impianti fotovoltaici; installazione di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici.

Versamento IRAP: per le aziende non è dovuto il versamento del saldo 2019 e della prima rata dell’acconto 2020.

Trasformazione della detrazione fiscali: viene concessa la possibilità per gli anni 2020 e 2021 di trasformare alcune detrazioni fiscali, alternativamente, in uno sconto pari al massimo al corrispettivo dovuto al fornitore o in credito d’imposta con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti.

Cessione dei crediti di imposta. Fino al 31 dicembre 2021, i beneficiari dei crediti d’imposta per l’emergenza epidemiologica da COVID-19 possono optare per la cessione, anche parziale, degli stessi ad altri soggetti, i quali possono utilizzare il credito ceduto anche in compensazione.

Credito d’imposta per l’adeguamento dei luoghi di lavoro pari al 60% delle spese sostenute nel 2020, fino ad un limite di 80 mila euro, per la realizzazione degli interventi richiesti dalle prescrizioni sanitarie e dalle misure di contenimento contro la diffusione da COVID-19.

Riduzione aliquota IVA per le cessioni di beni necessari per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: fino al 31 dicembre 2020 sono esenti da IVA, con diritto alla detrazione dell’imposta pagata sugli acquisti, le cessioni di mascherine e di altri dispositivi medici e di protezione individuale. Dal 1° gennaio 2021 a tali cessioni si applica l’aliquota IVA del 5%.

Credito d’imposta per sanificazione e l'acquisto di dispositivi di protezione: È riconosciuto nella misura del 60% delle spese sostenute nel 2020, fino ad un limite massimo di 60 mila euro per ciascun beneficiario, per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale atti a garantire la salute di lavoratori ed utenti.

Proroga dei termini di ripresa della riscossione dei versamenti sospesi anche per i soggetti di cui agli articoli 61 e 62 del decreto Cura Italia: Proroga al 16 settembre 2020 dei termini per la ripresa degli adempimenti e della riscossione dei versamenti sospesi dai decreti Cura Italia e Liquidità.

Viene prorogata al 1° gennaio 2021 la memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri. Lotteria degli scontrini rinviata al 1° gennaio 2021.

Rinvio della procedura di liquidazione automatizzata dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche al 1° gennaio 2021.

Rimessione in termini e sospensione del versamento degli importi richiesti a seguito del controllo automatizzato e formale delle dichiarazioni: sono considerati tempestivi, se eseguiti entro il 16 settembre 2020, i pagamenti in scadenza tra l’8 marzo e il giorno antecedente l’entrata in vigore del decreto, relative alle somme dovute a seguito delle comunicazioni degli esiti del controllo della dichiarazione di cui agli artt. 36-bis e 36-ter del dpr. 600/73 e 54-bis del dpr n. 633/72; i medesimi pagamenti di cui al periodo precedente sono sospesi se con scadenza nel periodo compreso tra l’entrata in vigore del decreto e il 31 maggio 2020.

Sospensione della compensazione tra credito d’imposta e debito iscritto a ruolo: i debiti iscritti a ruolo non possono essere compensati con i crediti d’imposta richiesti a rimborso dai contribuenti.

Modifiche alla disciplina degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA): imprese e lavoratori autonomi che applicano gli ISA. Si tratta di coloro che esercitano attività per le quali sono approvati gli ISA e non presentano cause di esclusione. Sono esclusi i contribuenti che nel p.i.: hanno iniziato o cessato l’attività; si trovano in condizioni di non normale svolgimento dell’attività; dichiarano ricavi/compensi maggiori di euro 5.164.569; si avvalgono del regime forfetario agevolato, previsto dall'art. 1, commi da 54 a 89, della legge n. 190/ 2014.

Sospensione dei pignoramenti dell’Agente della riscossione su stipendi e pensioni: sospensione degli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati dall’agente della riscossione e dai soggetti riscossori delle entrate degli enti locali iscritti nell’apposito albo, aventi ad oggetto stipendi,

pensioni e altre indennità assimilate.

Sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all’agente della riscossione: Cartelle di pagamento, accertamenti esecutivi, avvisi di addebito Inps, accertamenti dogane, ingiunzioni e accertamenti esecutivi degli enti locali. Entrate tributarie e non tributarie.

Rateizzazioni: nuovi ampliati termini di decadenza delle rateizzazioni di cartelle e avvisi.

Viene concessa maggiore flessibilità per il versamento delle rate in scadenza nell’anno 2020 dei termini di pagamento «Rottamazione-ter» e «Saldo e stralcio».

Dilazioni per i debiti inseriti nelle Definizioni agevolate decadute nel 2019: Rateizzazione per debiti inseriti nelle definizioni agevolate (Rottamazione-ter”, “Saldo e stralcio” e «Rottamazione risorse proprie UE») decadute nel 2019.

Proroga dei termini al fine di favorire la graduale ripresa delle attività economiche e sociali: Gli atti di accertamento, di contestazione, di irrogazione delle sanzioni, di recupero dei crediti di imposta, di liquidazione e di rettifica e di liquidazione, relativi ad atti o imposte per i quali i termini di decadenza, calcolati senza tenere conto della sospensione di cui all’articolo 67, comma 1, scadono tra l’8 marzo ed il 31 dicembre 2020, sono notificati non prima del 1 gennaio 2021 e fino al 31 dicembre 2021, in deroga agli ordinari termini decadenziali.

Tax Credit Vacanze: per i nuclei familiari con ISEE non superiore a 40 mila euro fino ad un importo massimo di 500 euro, utilizzabile per il pagamento dei servizi offerti dalle imprese turistico ricettive, da bed & breakfast e agriturismo.



Per informazioni e supporto e consulenze contatta Cna La Spezia tel. 0187.598080/0187.598075 o scrivi a pittameglio.sp@cna.it o giuliana.vatteroni@sp.cna.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News