Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Gennaio - ore 14.09

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Da Roma pochi soldi per la ricerca. Accordo tra Comune e Dltm

Accordo tra i due enti per effettuare una programmazione condivisa sulle opportunità offerte dai bandi europei. Per l'ingresso di Palazzo civico nel Distretto si stanno valutando gli aspetti giuridici.

Via ai tavoli
Da Roma pochi soldi per la ricerca. Accordo tra Comune e Dltm

La Spezia - Il settore della ricerca è importante per l'economia locale e per il tessuto sociale, essendo in grado di offrire soluzioni innovative e di trattenere giovani e cervelli. Eppure a livello nazionale le risorse a disposizione degli enti e dei ricercatori sono sempre meno. Così anche le ricadute sul territorio della presenza di una realtà come il Distretto ligure delle tecnologie marine rischiano di affievolirsi. Dal 2013 al 2015 il fondo per la ricerca di base del ministero è sceso da 48 a 6 milioni di euro e negli ultimi anni il Dltm sta finanziando progetti, borse di studio e collaborazioni solamente attraverso i fondi Por Fesr di provenienza europea. Ecco dove risiede l'importanza dell'intesa raggiunta con il Comune della Spezia e sottoscritta questa mattina a Palazzo Civico per avviare una collaborazione finalizzata allo sviluppo progettuale negli ambiti specifici di azione del Dltm.

A illustrare nei dettagli il contenuto dell’accordo sono stati il sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini, l’assessore allo Sviluppo economico e alle Politiche comunitarie, Genziana Giacomelli, il presidente del Dltm, Lorenzo Forcieri, e la responsabile Progetti e Manager formazione del Dltm, Anna Mori. Presenti anche Massimiliano Curletto, dirigente comunale del servizio Sviluppo economico e Politiche comunitarie, e Chiara Bianchi, funzionario comunale responsabile delle Politiche comunitarie.

L’intesa verterà sull’analisi dei fabbisogni di ricerca, sviluppo, innovazione, trasferimento tecnologico e alta formazione per supportare nuovi trend tecnologici, nonché sullo scambio e la cooperazione con scouting delle opportunità di proposte progettuali su bandi europei e nazionali per favorire lo sviluppo industriale e del territorio in coerenza con le politiche regionali di “Specializzazione Intelligente” e le indicazioni della “Marine Strategy”.
La collaborazione e l’avvio di progetti su queste tematiche costituirà la concretizzazione e lo sbocco del processo partecipativo avviato dall’amministrazione comunale in collaborazione con le altre istituzioni ed enti interessati.

Le attività si articoleranno nella costituzione del tavolo tecnico, seguita dalla definizione di tematiche target, dall'analisi dei principali programmi di finanziamento della Commissione Europea e infine dalla definizione di idee progettuali (Logical Framework di progetto come da linee guida della Commissione Europea).
L’accordo è complementare a quello siglato a fine novembre con Camera di commercio Riviere di Liguria, Provincia e Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale per la costituzione di un tavolo permanente di confronto inter-istituzionale per la progettazione in chiave comunitaria. Al primo incontro del Tavolo, riunitosi il 7 gennaio scorso, è stato infatti invitato il Dltm in qualità di ente interessato e sono già emerse le prime prove di sinergia e di collaborazione.

Al tavolo sono già state condivise tematiche di interesse, possibili coinvolgimenti nella fase di attuazione di progetti già avviati dai singoli enti e occasioni di progettazione congiunta in vista di bandi europei. Sinergie verranno attivate anche per la realizzazione di eventi internazionali su settori specifici ed eventi di progetto da svolgersi alla Spezia.

“Fronte comune per la blue economy – ha dichiarato il sindaco -. Nell’ottica del nostro progetto di valorizzare l’economia del mare nel territorio spezzino abbiamo stretto un rapporto privilegiato con il Dltm, che da molti anni si occupa delle tecnologie marittime attraverso la sottoscrizione di un protocollo. La visione di una città che concretizzi il suo sviluppo economico attraverso la sua principale risorsa naturale, il mare, passa attraverso due strategie: la prima è quella di costruire una rete con tutti gli enti e i soggetti interessati alla blue economy e la seconda di potenziare all’interno del Comune il settore della progettazione, perché soltanto attraverso i finanziamenti comunitari si può creare sviluppo nel territorio. Quello di oggi è l’ultimo passaggio per concludere quella rete di relazioni che abbiamo già stretto con gli altri enti: è di alcuni mesi fa, infatti, la sottoscrizione di un accordo con Camera di commercio, Autorità di sistema portuale e la Provincia sulla progettazione comunitaria per lo sviluppo del territorio. Una conclusione che è un nuovo inizio per una visione comune per lo sviluppo economico del nostro territorio che parta dall’individuazione di progettazioni candidabili a risorse europee, soprattutto a sostegno del settore della Blue Economy, attraverso la partnership con il Dltm”.

“Il Comune della Spezia sta attualmente gestendo progetti per 30 milioni di euro – ha aggiunto Giacomelli – sono risorse rilevanti per lo sviluppo del territorio provenienti dall’Unione europea e da finanziamenti concessi a livello nazionale e regionale. Oggi siamo impegnati con progetti che riguardano la tutela del territorio e dell’ambiente, il potenziamento dei servizi ai cittadini, la riqualificazione di aree urbane, la creazione di nuovi poli di attrazione a servizio del mondo della ricerca e dell’Università, come il nuovo polo marittimo. Il prossimo futuro deve vederci pronti a sviluppare progetti condivisi sul territorio e a potenziare la nostra capacità di reperire risorse dall’Unione europea. La rete tra Comune, Camera di Commercio , Autorità di Sistema Portuale e Provincia sta già lavorando per questo. Oggi, con la sottoscrizione di questo protocollo, il Dltm entrerà a pieno titolo nella rete già costituita e porterà il suo contributo in un ambito estremamente specialistico, quello delle tecnologie marine. Questo ci permetterà di poter perseguire al meglio l’idea di una città che vede nel mare e nella blue economy la principale risorsa per lo sviluppo”.

Molto soddisfatto anche il presidente del Dltm.
“E’ importante creare sinergia e fare sistema. Il Distretto è un po' questo, sintesi delle presenze industriali e delle conoscenze del territorio ligure: grandi e piccole imprese, università, enti di ricerca. Ora, grazie alla collaborazione con il Comune, potrà anche rappresentare lo sbocco operativo, nelle materie di competenza, del processo partecipativo avviato dall’amministrazione comunale, in collaborazione con le altre istituzione ed enti interessati. Il Distretto è una realtà regionale che ha sede e testa alla Spezia, così come altri centri di ricerca presenti e provincia e abbiamo la volontà di non cambiare. Per quanto riguarda la possibilità che il Comune entri a far parte della compagine societaria del Dltm, ho già chiesto ai soci di far partecipare il sindaco agli incontri del consiglio di amministrazione, in attesa che gli uffici definiscano la situazione sotto il profilo giuridico”. Un orizzonte che dovrebbe essere alla portata, visto che le finalità del Dltm appaiono coerenti con quelle del Comune, condizione richiesta dalla legge Madia per le partecipazioni societarie degli enti pubblici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










A un eventuale referendum sulla Tav Torino-Lione votereste...































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News