Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Ottobre - ore 22.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Confcooperative: "L'autonomia ha permesso al porto spezzino di diventare un'eccellenza"

Contro la regionalizzazione dei porti
Confcooperative: "L'autonomia ha permesso al porto spezzino di diventare un'eccellenza"

La Spezia - "Il porto della Spezia cresce, si modernizza, eccelle sul fronte dell'evoluzione garantendo nel mercato internazionale spazi di competitività, per offrire un miglior servizio, produce ricchezza, porta lavoro e non si può ignorare il suo peso in questa economia. Il progetto di regionalizzazione della portualità fatto proprio dalla regione Liguria con una delibera dello scorso gennaio che individua un nuovo modello di autonomia finanziaria e di governance gli scali liguri, non trova il nostro appoggio". Lo afferma la segreteria spezzina di Confcooperative.

"La storia del porto spezzino è stata sempre l'autonomia dello scalo che gli ha permesso di raggiungere, con pochi spazi, livelli di efficienza che in nessun altro porto sono stati raggiunti; lo si vede nel rapporto tra spazi e Teu in transito e la velocità dei servizi doganali. L'indipendenza del nostro porto - proseguono da Confcooperative - rende il ciclo operativo più snello e veloce mentre la rigidità e la burocratizzazione lo renderebbe ingessato; il nostro porto è stato uno dei primi ad avere l'autonomia funzionale che ci ha permesso di crescere attraverso flessibilità e coordinamento. Tanto è vero che nel nostro porto gli investimenti importanti vengono fatti dai terminalisti, mentre altrove si continua a dipendere dal pubblico".

Altro punto che Confcooperative non condivide è la trasformazione dei porti in Spa che "significherebbe uscire dal modello di gestione amministrativa con la relativa capacità autorizzativa che consente all'ente di emettere ordinanze. Siamo dell'idea di mantenere il controllo autoritativo e programmatorio proprio dell'ente pubblico, sia ai fini della sicurezza che a quelli della regolarità del lavoro, oltreché della regolamentazione delle diverse attività che sono soggette al controllo autoritativo: vedasi i settori della pesca e della mitilicultura, o quello del turismo nautico o diportistico. Il porto dovrebbe riuscire ad operare in un regime semplificato, per beneficiare di regimi di snellimento burocratico (vedi il dragaggio) che cosi com'è oggi rischia di tenere lontano gli investitori istituzionali, in particolare investitori esteri".

Confcooperative a tal proposito crede che ogni forma di azione amministrativa e politica in grado di promuovere efficienza e benefici all'economia ed alla collettività vada perseguita.
Tuttavia l'associazione, ritiene "un errore strategico e dannoso regionalizzare il controllo politico sulla portualità, sulle governance e sulle infrastrutture dedicate che oggi producono competitività ed effetti positivi. Ci auguriamo che su questi temi ci sia il massimo coinvolgimento possibile per ottenere il massimo dei risultati condivisi", conclude la segreteria spezzina di Confcooperative.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News