Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Marzo - ore 15.51

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Cina, la nuova via della seta, rischi e opportunità

nella sede di aidea
Cina, la nuova via della seta, rischi e opportunità

La Spezia - L’Aidea ospiterà il 22 gennaio alle 17,15, presso il Liceo Classico "Costa", il dott. Chiappini, che terrà un incontro sul tema Cina Le nuove vie della seta: rischi e opportunità. Giampaolo Chiappini, ex dirigente dell’Istituto Nazionale per il Commercio estero (ICE), ha vissuto a Tokyo dal 1998 al 2002, come direttore dell’Ufficio Ice presso l’Ambasciata d’Italia, con il compito di promuovere e sviluppare gli scambi commerciali dell’Italia con l’Oriente asiatico e si è sempre interessato della Cina. Non parleremmo oggi così tanto di Via della Seta, se questa parola non fosse diventata uno degli slogan con cui la Cina sta conquistando il mondo, lentamente e inesorabilmente, lo chiamano «soft power», una grande strategia commerciale, politica e militare.

La Nuova Via della Seta fu enunciata, nell’ottobre 2013, da Xi Jinping, presidente della Repubblica popolare cinese e consiste in un corridoio terrestre, un corridoio marittimo e un corridoio artico. Il presidente ha parlato di “sogno cinese”, quello di rendere la Cina più grande dell’America, non soltanto ricca ma anche potente, restituire alla Cina il predominio in Asia, ristabilire il controllo sui territori della grande Cina, inclusa anche Taiwan. Un piano di investimenti per il quale Pechino ha stanziato mille miliardi di dollari per la costruzione di corridoi ferroviari e corridoi marittimi che collegano la Cina con il mondo: una ragnatela di infrastrutture: strade, ponti, ferrovie, porti, oleodotti, gasdotti, centrali elettriche, città, che abbraccia l’Asia, l’Europa, l’Africa e l’America latina.

Il suo sviluppo sta trasformando la Cina in un formidabile rivale economico, politico e militare degli Usa. Quella tra Stati Uniti e Cina è ufficialmente una guerra commerciale, combattuta con i dazi, ma in realtà è una guerra tecnologica per la supremazia. La Cina vuole sfidare gli Usa e diventare un centro globale per l’innovazione nel campo dell’intelligenza artificiale e l’America vuole impedire che la Cina diventi una potenza in campo tecnologico perché qui si gioca la supremazia mondiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News