Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Settembre - ore 20.46

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia
55,26%
40,04%
2,29%
0,96%
0,50%
0,33%
0,20%
0,20%
0,15%
0,08%
Ultimo aggiornamento: 21/09/2020 20:52:45 Sezioni 855 di 1795

Cgil avverte: "Aiuti al turismo ma senza bypassare il sindacato"

la nota
Cgil avverte: "Aiuti al turismo ma senza bypassare il sindacato"

La Spezia - “L'emergenza Covid ha colpito duramente il turismo, bisogna ripartire tutelando i lavoratori e sostenendo le imprese.” Così Luca Comiti, Segretario Provinciale Filcams Cgil, che continua: “Il 16 aprile scorso è stato siglato il Patto per il turismo tra Sindacati e Regione Liguria, che prevede incentivi alle aziende e percorsi di formazione per i lavoratori con indennità. E' un primo passo, stiamo discutendo con le Associazioni datoriali su come ripartire.”
Il Patto per il turismo prevede incentivi di 3000 euro per le aziende per assunzioni a tempo determinato di 4 mesi, anche a scopo di somministrazione; per assunzioni uguali e superiori a 5 mesi 4000 euro e per assunzioni a tempo indeterminato 6000 euro.

Mentre per le persone c'è il percorso smart attivo, un percorso integrato politiche attive e formazione a distanza, con indennità mensile di partecipazione di 500 euro per 5 mesi; in più un voucher ICT di importo max 200 euro per dotarsi di PC e connessione. Poi c'è lo smart training, 500 euro per 5 mesi. Misure per lavoratori di ristoranti, bar, campeggi, hotel.

“Purtroppo l'emergenza Covid ha bloccato la nostra campagna di informazione e supporto per i lavoratori stagionali, ma da giovedì 14 riprenderemo la presenza nelle nostre sedi sul territorio a partire da Levanto. Comprendiamo le difficoltà di lavoratori ed imprese, il turismo è il settore più colpito, per l'impatto occupazionale e anche per le misure sanitarie che dovranno essere messe in atto e che rappresenteranno un costo ulteriore per le imprese. I ritardi della cassa integrazione sono oggettivi, ma da imputare a Governo e Regione. Gli Enti devono semplificare le procedure, che non vuol dire bypassare il sindacato, come qualcuno vorrebbe fare, ma alleggerire la burocrazia e i snellire i flussi di pagamento.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News