Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Marzo - ore 22.11

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Capitale mondiale della nautica, La Spezia si avvicina

Interessante dibattito sulle prospettive del comparto nel golfo nel corso di una trasmissione andata in onda su Primocanale.

Enti e aziende a confronto
Capitale mondiale della nautica, La Spezia si avvicina

La Spezia - La Spezia capitale della nautica e degli yacht. Un traguardo che è sempre più vicino a essere una affermazione che non teme smentita. Lo hanno confermato i protagonisti di questa sfida, riuniti a Genova, nella Terrazza Colombo di Primocanale, per parlare delle prospettive della cantieristica nautica e navale nel Golfo dei poeti.
A introdurre il tema, insieme al giornalista Matteo Cantile, è stata la presidente dell'Autorità di sistema portuale, Carla Roncallo.
Primo argomento di discussione è stata la fusione a freddo tra gli enti e i porti della Spezia e di Marina di Carrara, entrata nel vivo nel 2017 e ormai completata. Un'unificazione, quella che ha portato alla nascita dell'Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale, che aveva fatto torcere il naso a molti, riguardando realtà appartenenti a regioni e a sistemi normativi differenti. Ma le cose sono andate bene.
"Alla Spezia - ha spiegato Roncallo - siamo impegnati prevalentemente nel completamento del Piano regolatore portuale, che era fermo da tempo, mentre a Carrara ci siamo dedicati all'utilizzo degli spazi a disposizione. Oggi la convivenza tra i due scali è entrata a regime e stiamo lavorando positivamente".

Un porto dalle molteplici anime, quello spezzino, che accanto ai traffici merci ha visto negli ultimi anni crescere in maniera importante i flussi crocieristici.
"Dagli oltre 500mila passeggeri del 2018 - ha proseguito la presidente - passeremo a più di 700mila nel 2019 e all'inizio del prossimo anno ci sarà l'affidamento del project financing che ci porterà alla realizzazione della nuova stazione crocieristica e alla possibilità di realizzare sino a quattro accosti in contemporanea all'interno del primo bacino".
L'attenzione si è portata sul tema principale della giornata: i cantieri nautici presenti nel golfo, fiore all'occhiello dell'economia locale, e l'importanza di un sistema formativo che possa sostenerne lo sviluppo.
"I cantieri spezzini stanno assumendo e hanno bisogno di personale qualificato. A tal proposito, nei giorni scorsi, Sanlorenzo è entrata a far parte della fondazione Promostudi in qualità di socio sostenitore e potrà contribuire nell'indirizzare nella maniera migliore la didattica e la ricerca dei corsi di laurea del Polo universitario Marconi", ha spiegato ancora Roncallo, illustrando anche la presenza di specifici corsi realizzati in collaborazione con il Cisita.

"Abbiamo trasferito le lavorazioni degli scafi in metallo da Viareggio alla Spezia - ha detto Diego Cavalli, vicepresidente di Sanlorenzo - aumentando la capacità da 2 a 11 impostazioni in contemporanea. Uno yacht di 50 metri richiede un milione di ore di lavoro, da parte di dipendenti e ditte fornitrici. Questo spiega più di ogni altra cosa quale sia la necessità di occupazione di questo settore, nel quale siamo il primo cantiere al mondo per la costruzione di barche oltre i 30 metri e il terzo per quelle al di sopra dei 24".
La ripresa del comparto navale e nautico si è concretizzata e consolidata negli ultimi anni e le altre realtà che lo testimoniano nel golfo spezzino sono numerose: Fincantieri, Baglietto, Valdettaro, Ferretti, Perini, Cantieri navali La Spezia...
"E' un momento di rilancio generalizzato - ha aggiunto Martin Raznovic, Cfo di Perini Navi -. Tra poche settimane avremo sette barche in impostazione nello stesso momento e saremo il primo costruttore al mondo di barche a vela di grandi dimensioni. Sia a Viareggio che alla Spezia, dove concentriamo la costruzione di yacht a motore, la crescita occupazionale è molto forte nelle aziende dell'indotto, ma stiamo crescendo anche come dipendenti diretti".
Pierfrancesco Agnese, in rappresentanza dei Cantieri navali La Spezia, ha raccontato dell'esperienza dell'azienda nel refitting, che da qualche tempo a questa parte sta sfociando nel mercato delle imbarcazioni da competizione.
"Palma di Maiorca rimane punto di riferimento a livello mondiale per le barche a vela da regata, ma ultimamente stiamo conquistando fiducia da parte di armatori ed equipaggi. Tradizionalmente ci occupiamo di reffitting per il diporto a vela e a motore, ma le capacità e la cura con cui possiamo operare nel settore della vetroresina e delle leghe al titanio ci stanno dando grandi soddisfazioni, anche a livello di risultati sportivi", ha spiegato.

L'assessore regionale alla Formazione, Ilaria Cavo, ha illustrato uno degli ultimi provvedimenti della giunta guidata dal presidente Giovanni Toti attraverso il quale sarà emanato un bando da 3 milioni per la formazione di specifiche figure professionali richiesta dal mercato del lavoro spezzino (leggi il dettaglio qui): "L'amministrazione comunale ha lavorato in maniera importante con le aziende per arrivare a stilare un elenco puntuale dei fabbisogni e arrivando a individuare 258 figure da formare nei prossimi mesi. La Regione si farà carico dei costi della formazione e le aziende otterranno una premialità quando supereranno il 30 per cento delle assunzioni. Questo modello sta indicando la strada agli altri territori della Liguria e se funzionerà lo proporremo con convinzione".
Le aziende hanno confermato l'importanza della formazione professionale, ma hanno anche spesso fatto riferimento alla fame di spazi che si patisce su moli e banchine.
A tal proposito Cantile ha interpellato l'ammiraglio Giorgio Lazio, comandante del Comando marittimo nord della Marina militare.
"Siamo presenti da decenni nel golfo e sentiamo di dover contribuire allo sviluppo dell'economia locale. Per questo ogni anno realizziamo permute di breve durata per 1,5 milioni di euro, oltre a quelle più importanti, gestite da Difesa Servizi. Inoltre - ha dichiarato l'ammiraglio - operiamo insieme al territorio nel campo della ricerca, come dimostra la prossima inaugurazione dei laboratori che utilizzeremo insieme al Polo universitario e che sorgeranno proprio su sedime militare". Infine Lazio ha sottolineato la consistenza del contributo della Marina militare al Pil provinciale: con 400 milioni di euro all'anno consiste nell'8/9 per cento dei 5 miliardi che vengono prodotti sul territorio.

A chiudere il ciclo degli interventi è stato il sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini.
"Nella mia campagna elettorale ponevo l'obiettivo di far diventare La Spezia capitale mondiale della nautica e degli yacht e pertanto avverto con forte senso di responsabilità lo sviluppo di questo comparto. Sin dalle prime settimane di lavoro ci siamo impegnati a fondo per sostenere il settore, anche sotto il profilo della formazione, per non far sprecare nemmeno un minuto o un euro alle imprese e ai lavoratori. La Spezia - ha detto il primo cittadino - era una città bloccata: l'amministrazione precedente aveva addirittura adottato una variante al Puc che bloccava la realizzazione della nuova stazione crocieristica. Abbiamo posto rimedio e ci siamo adoperati per ridurre gli ostacoli della burocrazia: spesso si ha a che fare con tempi lunghissimi, stiamo tentando di dare più risposte possibili. Ringraziamo la Regione per il sostegno nell'ambito formativo per poter diventare leader mondiali nella costruzione e nella manutenzione degli yacht, una missione che potremo portare a termine anche grazie al recente accordo ci concessione siglato per l'area delle Casermette, dove sono previsti investimenti per 10 milioni di euro da parte delle imprese della nautica da diporto sotto i 24 metri (leggi qui, Ndr)".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News