Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 02 Dicembre - ore 22.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Baby sitter, badanti e colf. Cosa cambia con il nuovo contratto nazionale

Agevolazioni per i lavoratori e le famiglie che assistono. Introdotti anche il patentino di qualità che contribuisce anche al monte ore di permessi per approfondire la formazione.

alla spezia 4.098 lavoratori del settore
Baby sitter, badanti e colf. Cosa cambia con il nuovo contratto nazionale

La Spezia - Colf, badanti e baby sitter diventano assistenti familiari e cambiano anche i contratti per assumerle. Il nuovo contratto è stato firmato lo scorso 8 ottobre, sarà valido fino al 31 dicembre 2022 e prevede alcune novità.

I numeri liguri e spezzini. Stando ai dati presentati lo scorso gennaio a Genova, in Liguria, in linea con il trend italiano, la maggior parte dei lavoratori sono stranieri (il 73%) anche se negli ultimi anni si è registrato un calo complessivo dei comunitari e non ed un significativo aumento (di circa il 6%) della componente italiana, che rappresenta il 27% del totale (7.956). L’area geografica di provenienza maggiormente presente tra i lavoratori stranieri è quella dell’Europa dell’Est seguita dal Sud America. Quanto alle province liguri, Genova è la città con più colf e badanti della regione (17.990), seguita dalla Spezia (4.098), Savona (4.014) e Imperia (3.293).

Tutte le novità e il patentino di qualità.Tornando alle novità del nuovo contratto nazionale: per i lavoratori del settore sono previsti quattro livelli di inquadramento che vanno dalla lettera A alla D. Ciascuno corrisponde a due differenti parametri retributivi. Per le baby sitter l'inquadramento è uno soltanto.
Tra le novità introdotte dal nuovo contratto nazionale c'è la figura dell'assistente familiare educatore formato dipendente della famiglia che svolge azioni di supporto in ambito di progetti educativi e riabilitativi. Una mansione specifica per persone disabili, non autosufficienti oppure per bambini con problemi di apprendimento.
Tra le altre novità anche l'estensione del periodo di prova che diventa di 30 giorni per chi rientra nell'inquadramento dei livelli D, D super e per quei lavoratori che operano in regime di convivenza indipendentemente dai livelli di inquadramento. Per gli altri il periodo di prova è di otto giorni di lavoro effettivo. In particolare le famiglie aumentano i costi del personale domestico ci sono nuove indennità che si aggiungono alla retribuzione, di 115,76 euro al mese per le baby sitter di bambini under 6 e di 100 euro al mese per le badanti di livello “C Super” e “D Super” che curano più di una persona non autosufficiente.
Per il lavoro in ambito domiciliare sono state fissate anche alcune linee guida e l'aggiunta di strumenti telematici e robotici. Per quanto riguarda la formazione, chi è stato assunto a tempo pieno e indeterminato con un'anzianità di almeno sei mesi potrà usufruire di quaranta ore annue di permesso retribuito per poter seguire corsi di formazione professionale. Inoltre, il monte ore cresce se vengono frequentati corsi riconosciuti e finanziati da Ebincolf che diventano sessantaquattro annuali. Queste azioni contribuiscono al conseguimento del "patentino di qualità" dei lavoratori domestici. Chi riesce a ottenere la certificazione, che è ancora in fase di attuazione, potrà ottenere un'ulteriore indennità da 8 a 10 euro in base all'inquadramento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News