Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Settembre - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Avanti con gli approdi al Garibaldi, anche col nuovo molo crociere

La presidente dell'Adsp ritiene indispensabile la possibilità del terzo accosto: "Per attrarre compagnie che investano stabilmente sulla Spezia. Con i riempimenti previsti non mancheranno gli spazi per le merci".

Avanti con gli approdi al Garibaldi, anche col nuovo molo crociere

La Spezia - I rapporti tra Comune e Authority sono nettamente migliorati, ma le differenze di visioni sul futuro del waterfront non si assottigliano più di tanto. Almeno sino all'11 giugno sulla poltrona più importante di Palazzo Civico siederà infatti Massimo Federici, che continua a sostenere non strategica la costruzione dell'ormai famoso pennello per le crociere, il molo con doppio attracco previsto prima da Llavador e poi dal masterplan. Tanto il primo cittadino, quanto gli uffici comunali ritengono che Calata Paita possa essere mantenuta con la banchina attuale, per un accosto longitudinale da unire ai due possibili al Molo Garibaldi.
Non la pensa così Carla Roncallo, presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Orientale, che prosegue senza indugio nell'applicazione del Piano regolatore portuale, anche per quel che riguarda il primo bacino, dove è prevista la penisola per le crociere e la stazione marittima.

Le due posizione sono state ribadite nel corso del pomeriggio all'Nh hotel, nell'ambito della tavola rotonda del convegno "Spezia e il suo porto" organizzato dal gruppo regionale della Lega Nord.
Stuzzicato dal giornalista Andrea Scuderi, Federici ha risposto in merito al rapporto complicato avuto negli ultimi anni con Via del Molo e con l'allora presidente Lorenzo Forcieri:
"Trovo piuttosto logico che ci siano rapporti complicati, tra le città e i porti, così come tra poteri che rappresentato interessi differenti. Anni fa lanciai un convegno che, come questo, si intitolata "La Spezia e il suo porto": c'era bisogno di affermare l'unità tra il porto e la città, che credo sia un concetto importantissimo. Questo però non significa che vengano meno i temi delle polveri o della fascia di rispetto. Dall'altra parte ci sono livelli occupazionali, risultati e opportunità di ricorso alle nuove tecnologie che non possono essere trascurati. Bisogna trovare l'equilibrio tra la competitività dello scalo e la convivenza con la città".

Quando la discussione si è spostata sul molo e sulla stazione marittima, Roncallo ha fatto il punto della situazione: "Ottenuta definitivamente dal ministero la patente di "adeguamento tecnico funzionale" per le opere previste, stiamo attendendo lo screening da parte dei funzionari del ministero dell'Ambiente e la procedura di Via, poi sarà lanciata la gara di appalto. Stiamo procedendo speditamente. Il 30 marzo scorso abbiamo consegnato i lavori per il Molo Pagliari e dopo un anno e mezzo avvieremo il trasferimento dei concessionari del Canaletto e di Fossamastra. Dopo di che potrà essere dato il via ai riempimenti. Entro fine anno prevediamo di bandire la gara e dare il "la" ai lavori per l'allargamento del Molo Garibaldi di Levante. Stessi tempi li prevediamo per gli ampliamenti del Terminal del Golfo. Nel frattempo il molo per le crociere non dovrà attendere, anche perché una volta ampliato il Molo Garibaldi Lsct provvederà a liberare Calata Paita".
"Ci vorranno quindi almeno due anni e mezzo o tre - si è inserito nella discussione il sindaco Federici -. Senza dimenticare che c'è anche tutta la complicatissima procedura di trasferimento dei fasci dei binari dalla Paita alla Malaspina".
Pronta la replica della presidente: "Stiamo aspettando da due mesi e mezzo che la Corte dei conti recepisca e licenzi la delibera con la quale il Cipe ha stanziato i fondi necessari per i lavori. Attendiamo una comunicazione in tempi brevi, a quel punto apriremo le buste e assegneremo l'appalto dei lavori".

Idee, priorità e tempistiche accettabili viste in maniera differente. Ma anche un punto di contatto: tanto a Federici, quando a Roncallo è infatti piaciuta molto la proposta del pescatore leghista Lorenzo Viviani, quella di dare uno spazio sul mare al mercato del pesce e valorizzare il prodotto con ristoranti di qualità a chilometro zero. "Potrebbe essere una delle attività che caratterizzeranno il waterfront", hanno detto il primo cittadino e la numero uno di Via del Molo.

In un botta e risposta con il presidente degli Spedizionieri spezzini, Alessandro Laghezza, Roncallo ha poi spiegato perché crede che non sia necessario prevedere di retrocedere la banchina di Ponente del Molo Garibaldi all'attività mercantile: "Spesso servono tre accosti e non riusciamo a soddisfare la domanda. Con il molo previsto nel primo bacino avremo due ormeggi nuovi, ma se vogliamo fidelizzare le compagnie, portandole a investire per un intervento a lungo termine, dobbiamo tenere a disposizione anche l'accosto al Garibaldi". "Le merci hanno una ricaduta maggiore sul territorio", ha ribattuto Laghezza.
"Con i riempimenti previsti dal Prp si arriverà a 2,5 milioni di container. Credo che più di così il porto e la città non possano reggere e che anche altri aspetti dell'economia della città meritino spazio. Al di là di cosa renda di più in senso assoluto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure