Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Agosto - ore 23.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Artigianato spezzino, crollano i prestiti

Calo di oltre otto punti percentuali, dato superiore alla media ligure e a quella nazionale.

Artigianato spezzino, crollano i prestiti

La Spezia - Nel giro di un anno l’artigianato ligure perde ben 59 milioni di euro di credito su un totale di 1 miliardo e 21 milioni di euro. Il forte calo, -5,5% rispetto a settembre 2015 (pressoché in linea col dato nazionale, -5,8%), emerge dall’ultima analisi dell’Ufficio studi Confartigianato su dati Artigiancassa e Banca d’Italia (settembre 2016). Una situazione generalizzata anche nelle altre regioni d’Italia, meno accentuata in Valle d'Aosta (-2,5%) Lazio e Sardegna, entrambe al -3,2%.

A livello provinciale, ben due province liguri rientrano nelle prime posizioni in classifica per aver registrato un calo dei prestiti superiore alla media nazionale: La Spezia (124 milioni) è addirittura 15esima con -8,1%, Imperia (141 mln) è in 44esima posizione con il -6%. A Genova (483 mln) i rubinetti del credito si chiudono in un anno del 5%, mentre a Savona (273 mln) del 4,8%.

In un panorama che vede il Paese tornare indietro di quindici anni per stock di credito erogato (42,9 miliardi oggi contro i 44,9 del 2001), emerge comunque un dato positivo per la Liguria: la nostra regione è prima in Italia per maggior incidenza di prestiti a medio-lungo termine sul totale: 72% contro il 28% a breve termine. Inoltre, la diminuzione dei prestiti a medio termine è meno accentuata rispetto a quella a breve termine: -3,3% contro -10,7%. Una situazione che, in misure diverse, si rispecchia anche a livello provinciale: a spiccare è Savona (prima provincia in Italia), con il 76,2% dei prestiti concessi a medio termine (in calo del 2,5% contro l’11,6% del breve termine). A Imperia il 73,2% di prestiti è concesso a medio-lungo termine (-3,7% contro il -11,7% del breve termine). Segue La Spezia, con il 71,7% dei prestiti concesso a lungo termine (in calo del 7% contro il -10,6%), e infine Genova: i prestiti concessi a medio-lungo termine sono il 69,4%, in diminuzione del 2,6% (contro il -10,1% dell’altra tipologia).

«Il basso livello dei prestiti, che ci riporta indietro di 15 anni, è generalizzato e dipende dall’attuale situazione economica e bancaria – dichiara Giancarlo Grasso, presidente Confartigianato Liguria – Per questo, insieme alla Regione Liguria e tramite i nostri strumenti Artigiancassa e Confart, abbiamo deciso di investire sulla qualità del credito, cercando di trasformare i debiti a breve delle imprese artigiane in medio-lungo termine. I risultati ci danno ragione e premiano i nostri sforzi».

Un’occhiata alle sofferenze: osservando i dati per classe di grandezza si osserva che al terzo trimestre 2016 il 70,3% delle sofferenze nette si concentra sopra i 500 mila euro e si riferisce al 4,7% degli affidati, con un valore medio di 2,2 milioni di euro, maggiormente compatibile con il taglio del finanziamento di medie e grandi imprese. Sotto questa soglia troviamo il 95,3% dei soggetti affidati in sofferenza che rappresentano però solo il 29,7% dell'importo, con un valore medio di 46 mila euro, riconducibile al segmento della piccola impresa. «Ma i tassi d’interesse applicati a seconda delle diverse grandezze di impresa non sono coerenti con questa disparità, risultano anzi in netto contrasto – sottolinea Grasso – Il calo dei prestiti alle microimprese non sembra determinato da condizioni strutturali di maggiore rischiosità, addirittura assistiamo a un calo delle sofferenze per importi sotto i 30 mila euro, ma le va fortemente a penalizzare. Una situazione che pesa soprattutto in Liguria, dove il gap tra i due diversi tassi d’interesse applicati è particolarmente ampio».

Di 341 punti base, per la precisione: a fronte di un 4,92% di interesse a breve applicato a un’impresa ligure di dimensioni medio-grandi, quello destinato alle piccole realtà imprenditoriali è dell’8,33%. In entrambi i casi si tratta di percentuali superiori alla media nazionale (4,58% contro 7,58%) di quasi mezzo punto in più.

Guardando ai macrosettori in Liguria, il più penalizzato è quello delle costruzioni, con un tasso del 6,9%. Seguono servizi (5,44%) e manifatturiero (4,45%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure