Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Settembre - ore 21.11

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Appalto del verde e lavoratori. Il dibattito potrebbe spostarsi in consiglio comunale

l'ultimo capitolo
Appalto del verde e lavoratori. Il dibattito potrebbe spostarsi in consiglio comunale

La Spezia - Una matassa complicata da districare quella sui lavoratori delle categorie deboli legate all'appalto del verde. Se dal punto di vista formale c'è l'accordo tra le parti Uil e un gruppo di consiglieri comunali (per ora Manfredini, Baldino e Nobili) vogliono chiarezza sul trattamento economico dei lavoratori. La loro intenzione è far approdare il tema in consiglio comunale. La decisione è nata nel corso della commissione consiliare sull'appalto del verde che si è tenuta questa sera a Palazzo civico ed era il proseguimento dell'ultima avvenuta lo scorso 14 dicembre.
La vicenda nasce dalla firma per l'introduzione della clausola sociale nel contratto dei 17 lavoratori provenienti dalle cooperative sociali all'interno della società che ha vinto l'appalto. La firma, anche da come hanno sottolinato più volte le parti nel corso di tre commissioni, è arrivata anche con dibattiti accesi anche se Uil, rappresentata questa sera e nelle trattative dal sindacalista Marco Furletti, ha manifestato una certa amarezza per l'accordo raggiunto.
A spiegarne le motivazioni è stato lo stesso Furletti: "Le perplessità nascono principalmente dal fatto che al termine dell'appalto non si sa cosa succederà a questi lavoratori, con il rischio che la clausola sociale cada nel vuoto. Parliamo di categorie deboli alle quali andrebbero date maggiori garanzie".

Nel corso della commissione il consigliere Paolo Manfredini, ripercorrendo l'intera vicenda, ha chiesto più volte se con il distaccamento di alcuni dei 17 lavoratori per loro cambia il trattamento economico. Un punto che per il consigliere non si è chiarito in seduta e che quindi dovrà approdare in consiglio comunale. Ad appoggiare l'intervento di Manfredini anche il consigliere Caratozzolo che ha ribadito più volte che non possono andarci di mezzo i lavoratori e i nodi sul loro trattamento non si sono ancora sciolti.
I toni della commissione si sono stati piccati in più occasioni, con uno scambio aperto tra Piaggi e Furletti soprattutto sulla firma forzata dell'accordo da parte di Uil. "Se non c'erano gli estremi - ha detto Piaggi - non dovevate firmare. Il verde ora è curato e ben tenuto. Tutti i lavoratori sono impiegati e percepiscono regolarmente il proprio stipendio".

Il consigliere Melley, sul finire, ha proposto altre commissioni di approndimento anche tra qualche mese per capire gli sviluppi. Più forte il contrasto tra Furletti e il rappresentante della cooperativa Cis. Le tensioni si sono acuite per una dichiarazione del secondo. Quest'ultimo sosteneva infatti che il sindacalista Furletti avrebbe voluto impedire l'assunzione di un membro della sua cooperativa. Di tutta risposta Furletti ha negato questa istanza, chiesto il verbale di commissione e che si riserverà di far vedere la documentazione al suo legale con l'eventualità di sporgere querela.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News