Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Settembre - ore 10.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ansia da fatturazione elettronica, un problema anche generazionale

Fanno il punto le associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato e Cna: "Presto per fare un bilancio sul funzionamento della piattaforma, sempre vicino agli associati".

"potrebbe non risolvere l'evasione"
Ansia da fatturazione elettronica, un problema anche generazionale

La Spezia - Fatturazione elettronica che passione. La formazione prima dell'ufficialità è servita ma sarà necessario un ripassone generale sia per le aziende che per le associazioni di categoria. I problemi non sono legati alla piattaforma in se quanto all'inserimento effettivo dei dati, difficoltà dettate soprattutto da un fattore generazionale. Aspetto questo sul quale sono d'accordo tutti.
Città della Spezia ha fatto un punto della situazione assieme alle associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato e Cna. Quasi per tutti il cammino è delicato e lastricato di difficoltà che si risolvono, al momento, con l'assistenza gratuita degli associati.

Confcommercio: “Non possiamo caricare le aziende con costi ulteriori, facciamo assistenza gratutia”. E' così ad esempio per Confcommercio e Confesercenti. “Non abbiamo mai nascosto - ha spiegato Antonio Angeloni responsabile fiscale di Confcommercio - che non c'era necessità di un passaggio così repentino alla fatturazione elettronica. Quattro mesi fa siamo comunque ci siamo attivati con gli associati e tutti hanno ottenuto per tempo il proprio codice associativo. Stiamo facendo un grosso sforzo di assistenza, ci stanno chiamando costantemente. Il problema è che tutte le grandi riforme della pubblica amministrazione le pagano sempre i cittadini e chi li assiste, perché abbiamo dovuti mettere in moto un meccanismo che è stato tutt'altro che semplice. Arrivare a questo risultato per noi è stato uno sforzo meno ripagato da quello che abbiamo dovuto far pagare i nostri associati. Se avessimo dovuto applicare loro tariffe aggiuntive, sarebbe davvero impossibile. Abbiamo già fatto un contratto per attivare la fatturazione e sono preventivati una serie di costi. E sarà così almeno per altri tre mesi faremo nuove valutazioni quando saremo a regime. Siamo comunque soddisfatti perché il sistema che abbiamo deciso di applicare, come associazione di categoria che ha funzionato bene”.
E' in programma sempre in Confcommercio un nuovo approfondimento per il 23 gennaio. Alle 15 nella sede di Via Fontevivo si terrà un incontro sul funzionamento tecnico della piattaforma della fatturazione elettronica e con l'illustrazione dei servizi.

Confesercenti: “E' stato stabilito tutto con troppa fretta e non risolverà il problema del lavoro nero”. E' la direttrice di Confesercenti Rita Mazzi ha fare il punto per Confesercenti e ribadisce che con tutta probabilità la fatturazione elettronica non rappresenterà una “svolta” nei confronti del sommerso.
“La fatturazione elettronica - ha spiegato ai taccuini di Città della Spezia Mazzi – ha creato una grande confusione e il mio pensiero non è lo strumento giusto contro l'evasione, anzi, rischia di aumentarla. Se pensiamo ai regimi forfettari, sono esenti le aziende sotto i 65mila euro, è chiaro che qualcuno potrebbe approfittarne cercando di rimanere ben sotto la cifra stabilita”.
“La confusione è pazzesca - prosegue Mazzi - almeno stando al target delle aziende che dobbiamo seguire. Anche se ci sono aziende, per fortuna loro, che riescono a fatturare più di 65mila euro la burocrazia è aumentata a dismisura anche con una serie di costi aggiuntivi. Anche per partire basta iscriversi al sito tra i nostri associati abbiamo aziende che non sono dotate di sistemi informatici. Parliamo quindi di costi su costi. Penso che in un momento come questo, con la crisi che morde ancora, si sarebbe potuto aspettare”.
“I problemi non sono solo per le aziende - ha proseguito – ma anche per noi, perché questa situazione crea un ulteriore sovraccarico del lavoro per assisterle. Parliamo di piccole realtà che vanno assistite passo passo. Anche noi abbiamo deciso di seguire le richieste aggiuntive di assistenza gratuitamente. Non possiamo pensare di gravare ulteriormente sulle aziende”.
Si pensa al “ripassone” anche in Confersercenti, ma non subito. “Anche noi come associazione di categoria dobbiamo andare a regime sulla gestione del programma. Siamo a buon punto di conseguenza ci attiveremo con nuovi incontri il prima possibile”.


Confartigianato: “C'è il fattore generazionale, la formazione ha comunque dato i suoi frutti”./b> Per Katia Orsetti responsabile fiscale Confartigianato si conferma il fattore generazionale la formazione per gli artigiani invece è andata meglio. I tempi per fare un bilancio non sono comunque maturi.
“Forse è ancora troppo presto per valutare l’impatto della fatturazione elettronica – spiega Orsetti -. Dipende dalla tipologia di impresa e dal numero di fatture. Ci sono imprese che fatturano tutti i giorni e altre che fattureranno a fine mese. Non sono poi obbligate alla fatturazione elettronica le imprese nel regime forfettario e nel regime ex minimi. Comunque al momento le imprese che hanno i servizi contabili presso Confartigianato non hanno manifestato evidenti problemi. L’Associazione si è mossa per tempo ed ha effettuato attività di formazione per imprenditori e dipendenti nei diversi territori della provincia mesi fa. Oggi questa attività ci ripaga”. 
“Certo è innegabile - prosegue Orsetti -, per fare un esempio, che l’edile che lavora tutto il giorno in cantiere, la sera si deve mettere al computer per emettere le fatture elettroniche. Va poi valutato il fattore generazionale: alcuni imprenditori hanno scarsa padronanza negli strumenti informatici mentre i giovani sono già abituati all’uso di sistemi gestionali. Il software proposto da Confartigianato alle imprese associate funziona molto bene ed è intuitivo, siamo contenti del funzionamento. Confartigianato si è poi battuta in Parlamento per attenuare l’impatto del provvedimento, e grazie agli emendamenti al Decreto legge fiscale collegato alla legge di bilancio, per i primi 6 mesi, cioè sino al 30 giugno, non ci saranno sanzioni in materia di fatturazione elettronica”.

Confartigianato sia alla Spezia (tel. 0187.286630-33) che nelle sedi di Sarzana (0187.621427) e Levanto (0187.808518) è a disposizione per risolvere in tempo reale problemi alle imprese.”Molte imprese - conclude Orsetti - hanno deciso di affidarci la tenuta della contabilità e la gestione del servizio di fatturazione elettronica; gli imprenditori si sentono più tranquilli con un sistema gestionale come il nostro e hanno poi beneficiato dei tutorial sull'uso del software”.

Cna: "Alcuni problemi inevitabili, siamo all'inizio di una nuova era". Cna riconosce il momento di grande cambiamento. Alessandra Zanella referente fiscale per cna La Spezia sulla fatturazione fiscale ha spiegato: "E’ appena iniziata una nuova era, le difficoltà sono legate all’approccio al nuovo metodo e soprattutto per le micro imprese ai tempi necessari per i nuovi adempimenti. L’accesso alle nuove procedure di fatturazione comporta inevitabili difficoltà visto che si tratta di una novità, ma con un minimo di pratica il problema si risolve.  La formazione ha giocato un ruolo determinante e stiamo continuando con gli incontri mirati ora sull’operatività pratica che per ogni singola realtà. Sulle criticità siamo in corso di valutazione, per ogni dubbio i nostri associati ci chiamano e vediamo di risolvere insieme in modo da gestire le cose nel miglior modo possibile".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News