Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Novembre - ore 00.12

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Anche alla Spezia sciopero dei distributori di carburante

I gestori al governo, alle compagnie e ai retisti: "Contro l'illegalità servono regole e coerenza, non proclami".

adesione media italiana oltre il 74%
Anche alla Spezia sciopero dei distributori di carburante

La Spezia - Da mercoledì mattina alle 6 sino a questa mattina alla stessa ora, i gestori degli impianti di rifornimento carburanti, sia della rete autostradale che ordinara, sono rimasti chiusi per lo sciopero nazionale proclamato da Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio. Dai primi dati che affluiscono dalle struture sindacali territoriali, il grado di adesione nazionale si attesta oltre il 74 per cento a testimonianza della partecipazione e del livello di preoccupazione della categoria. Elementi accolti con soddisfazione dalle Federazioni sindacali, tanto più in presenza del continuo moltiplicarsi di impianti presidiati da lavoratori senza contratto o con contratti precari e illegali, se non gestiti direttamente dalla criminalità organizzata. Uno stato di fatto che dovrebbe preoccupare non solo i gestori e le loro organizzazioni, quanto soprattutto le altre componenti del settore - dalle compagnie petrolifere, ai retisti indipendenti - e il Governo stesso che, al contrario, continua a mostrarsi indifferente agli allarmi ripetutamente lanciati. Proclamare - ma chi potrebbe dichiararsi contrario? - la propria adesione alla lotta all'illegalità dilagante (6 miliardi di litri/anno "clandestini", secondo una stima prudente, vale a dire poco meno di 5 miliardi di euro sottratti all'Erario, tra accise e Iva) nel settore della distribuzione carburanti, non può in nessun modo essere sufficiente senza un seguito coerente di azioni, iniziative e provvedimenti realmente efficaci.

L'articolata piattaforma di rivendicazioni e proposte della categoria è stata presentata dai presidenti di Faib, Fegica e Figisc ad una nutrita rappresentanza di gestori provenienti da tutta Italia, che ha partecipato prima al presidio tenuto di fronte la Camera dei deputati e subito dopo all'assemblea del Capranichetta. Assemblea a cui hanno inteso portare il loro contributo diversi rappresentanti della politica: Maria Cecilia Guerra, LEU, Sottosegretario al Ministero Economia e Finanze; Pier Luigi Bersani, LEU, X commissione attività produttive della Camera; Luca Sut e Lucia Scanu Movimento 5 Stelle X commissione della Camera, Umberto Buratti, PD, Commissione VIII ambiente della Camera; Claudio Mancini, PD, Commissione VI finanze della Camera; Jacopo Morrone, LEGA, Commissione II giustizia della Camera; Martina Nardi, PD, capogruppo in commissione X attività produttive della Camera; Elena Raffaelli, LEGA Commissione VIII ambiente della Camera; Luca Squeri responsabile energia di Forza Italia e membro della X Commissione attività produttive Camera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News