Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Ottobre - ore 13.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Acidità bassa e uve bellissime, tutto pronto per la vendemmia

I produttori hanno iniziato a lavorare sulle vigne con una media di dieci giorni di anticipo rispetto agli anni precedenti. Si incrociano le dita nella speranza che il cielo regga.

Acidità bassa e uve bellissime, tutto pronto per la vendemmia

La Spezia - Ci siamo, con un bel po' di anticipo parte la vendemmia. In questi giorni dalla costa fino alla Val di Magra sono già cominciate le ricognizioni dei vigneti e in alcuni casi la raccolta dei grappoli più esposti al sole. Con la siccità, il sole e l'escursione termica non ottimale per tutti quest'anno le uve si presentano con la buccia più croccante e meno succose. Una situazione per la quale non si può aspettare, perché pochi giorni in più potrebbero compromettere seriamente acini e grappoli, senza contare il rischio di imprevedibili eventi meteorologici, si pensi alla grandinata del 2016 che ha compromesso il 30 per cento della produzione.
La leva che però ha messo in moto la macchina della produzione del vino d'eccellenza è la siccità. Quest'ultima è però un'arma a doppio taglio se si pensa ai vitigni troppo esposti al sole.
La vendemmia alle Cinque Terre, l'annata dello Sciacchetrà. Comincia la raccolta. L'anticipo della vendemmia non è una novità per tutti. Ad esempio, per la produzione dello Sciacchetrà è già qualche anno che si gioca d'anticipo. A fare il punto è Heydi Bonanini del Consorzio 5 Terre Sciacchetrà: "Ieri abbiamo cominciato a staccare le uve nella parte più bassa. La siccità non ci ha aiutato anche se i vitigni hanno reso bene garantendo una buona maturazione, in alcuni punti dove l'irrigazione non arrivava bene però ci sono state delle perdite.. Ci vorranno almeno quindici giorni per la raccolta e solo a quel punto potremmo fare una situazione puntuale sul reso".
L'enologo enologo della Cantina sociale Cinque Terre spiega: "Con la raccolta partiremo ufficialmente il 25 agosto e la vendemmia dall'8 settembre, una settimana prima del previsto. Una netta differenza rispetto al 2014 quando cominciammo in autunno. Viste le condizioni di quest'anno il vino sarà più strutturato".
Da Manarola il produttore Cesare Scorza spiega: "Questa sarebbe l'annata perfetta per lo Sciacchetrà, ora siamo ancora in fase di ricognizione, ma abbiamo deciso di concentrarci sul vino e non sul passito, perchè richiederebbe una maggiore quantità di uva. Tra il 4 e il 5 settembre cominceremo ufficialmente con la vendemmia".
Da Corniglia Guido Galletti: "Cominceremo la raccolta tra pochissimi giorni. I cambiamenti climatici degli ultimi anni non ci hanno aiutato. L'escursione termica dal giorno alla notte, almeno qui, non è stata favorevole con il rischio che l'uva maturasse male. Verso il canalone di Vernazza l'uva è più equilibrata ma il reso in generale pensiamo sarà inferiore. Non posso negare una certa preoccupazione e serve sempre molto impegno per seguire le vigne. La vera svolta delle Cinque Terre è favorire anche l'agricoltura, solo così potremmo mantenere il territorio".

La Val di Magra e Fosdinovo, l'escursione termica favorevole. Il vino ottimo. Un vino perfetto ha buon equilibrio rapporto con gli zuccheri che cambiano in base alla raccolta. Il trucco è prendere il momento esatto della maturazione delle uve.
Gilda Musetti dall'azienda agricola "Il torchio" spiega: "In questa fase è necessario mantenere l'acidità del vino. Abbiamo anticipato almeno di una decina di giorni per la raccolta e faremo almeno due vendemmie. Questa sarà una vendemmia calda, la siccità ha inciso parzialmente ci ha salvati la buona escursione termica dal giorno alla notte".
Largo anticipo invece, almeno di 20 giorni, da Ca' Lunae. Diego Bosoni non ha dubbi sulla qualità: "Il clima da queste parti si è rivelato favorevole. Le rese saranno inferiori al 2016, le uve in compenso sono di un livello molto alto e la nostra zona è stata fortunata. Se le condizioni metereologiche si manterranno sarà davvero un'ottima annata".
A Fosdinovo, Claudio Felisso dell'azienda Maneterra è ancora in fase perlustrativa: "Per le viti giovani sarà un'annata complicata. Naturalmente le uve non sono tutte uguali. Sicuramente anticiperemo la raccolta di almeno di 15 giorni e le rese saranno più basse. In questi giorni abbiamo iniziato i primi campionamenti per valutare l'equilibrio tra acidità e concentrazione zuccherina per poi valutare quando iniziare a staccare i primi grappoli".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure