Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 Settembre - ore 21.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

A Leonardo stampanti 3D all'opera per le valvole dei respitatori

usando la "famosa" maschera di decathlon
A Leonardo stampanti 3D all'opera per le valvole dei respitatori

La Spezia - Innovare non significa solo ideare soluzioni vincenti per il futuro ma anche essere pronti a fornire risposte e soluzioni tecnologiche in caso di emergenza. Con rapidità ed efficacia. Così è accaduto in Leonardo, pronta ad intervenire nel grande fabbisogno di respiratori, presso gli ospedali italiani, generato dall’emergenza Coronavirus.
E’ successo tutto in pochissimi giorni, da quando la società Isinnova di Brescia ha annunciato di aver sviluppato un progetto che prevede la realizzazione, da parte di altre aziende, di valvole in materiale plastico (le cosiddette valvole Charlotte e Dave) che consentono di modificare un particolare modello di maschere subacquee per trasformarle in respiratori destinati alle terapie sub-intensive. Isinnova, nell’occasione, ha lanciato un appello pubblico per ricevere supporto nella realizzazione di queste valvole per far fronte alle numerose necessità espresse dalla Protezione Civile e da altri enti nazionali e internazionali coinvolti nella gestione di questa emergenza.

Leonardo ha prontamente contattato Isinnova e si è proposta per supportare questa iniziativa che richiede l’utilizzo della tecnologia del cosiddetto additive manufacturing, comunemente noto come 3D printing, per la realizzazione delle valvole. Una tecnologia che Leonardo ha sviluppato, anche attraverso il lavoro svolto all’interno dell’Aerotech Campus di Pomigliano d’Arco (il primo dei Leonardo Labs recentemente inaugurato), e che trova in questi giorni piena applicazione presso il sito di Grottaglie, in Puglia, specializzato in tecnologie avanzate per la produzione di parti di aereo in fibra di carbonio.
Ma non solo: sullo stesso fronte si è messa subito al lavoro anche la divisione Elettronica di Leonardo, che presso i propri stabilimenti di La Spezia e Livorno, ha analogamente raccolto l’iniziativa intrapresa dalla società Isinnova di Brescia. Quest’ultima, infatti, ha reso disponibile, anche in questo caso, i disegni costruttivi della valvola e di un secondo raccordo accessorio, consentendo al reparto Ingegneria di realizzare un primo Kit con la stampa 3D e di testarlo con successo su una maschera da snorkelling.

Tornando al sito di Grottaglie, in pochi giorni è stata lanciata la produzione dei primi lotti di valvole (sono già stati realizzati oltre 200 kit di valvole) per supportare le necessità insieme ad una valutazione più estesa delle potenziali applicazioni delle proprie tecnologie a supporto della Protezione Civile e delle Regioni nella crisi provocata da Covid-19. Tra queste rientra la possibilità di una produzione massiva di dispositivi medicali come, per esempio, le maschere Face Shield, i cui primi prototipi in stampa 3D già sono stati realizzati presso l’area di Ricerca e Sviluppo del sito di Grottaglie.

Da segnalare inoltre che Leonardo è in contatto anche con altre aziende che producono respiratori polmonari per terapia intensiva, per la realizzazione, sempre in additive manufacturing, di componenti dei respiratori polmonari e per altre analoghe esigenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News