Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Dicembre - ore 22.18

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

#mySpezia, l'hashtag del brand che nessuno usa

Lanciato a marzo 2014, non ha fatto breccia su Instagram, l'album delle vacanze per 800 milioni di utenti. Il semplice #laSpezia pesa cento volte di più. Per #cinqueterre sfondata quota un milione di citazioni, mentre #golfodeipoeti non decolla.

#mySpezia, l´hashtag del brand che nessuno usa

La Spezia - Il cuore rosso ha smesso di battere tanto tempo fa. Addirittura sul profilo Instagram ufficiale "MySpezia" l'ultimo post è datato 18 marzo del 2016. Cristallizato su un eterno "primo giorno di Fiera di San Giuseppe", quello che doveva essere il racconto per immagini della nuova la Spezia tutto colori e turismo è durato davvero poco. Tredici post in totale, il primo di giugno 2014, giorno del lancio del nuovo brand che doveva seppellire la città arsenalizia e industriale: via del Torretto, il lungomare, le ancore della Viribus Unitis all'entrata dell'arsenale. Scorci raccolti attorno ai 326 follower conquistati con quel poco sforzo.
La conseguenza è che l'hashtag #mySpezia, a oltre tre anni dal lancio, è un flop totale. Scandagliando Instagram se ne trovano solo 2.432 occorrenze, una macchia impercettibile nel grande mare di foto generate dai circa 800 milioni di utenti attivi al mese. Un aspetto che non è un di più per una città che si azzarda a definirsi turistica. Il social delle immagini è oggi il più grande album di viaggi del mondo, prezioso strumento in mano a travel blogger e aziende di promozione. Molto più immediato di Twitter e Facebook, non a caso Mark Zuckerberg ha deciso di comprarlo per un miliardo di dollari nel 2012 capendo le potenzialità complementari al "libro dei volti".

E' stata la sperduta località di Wanaka nella Nuova Zelanda a dare la plastica dimostrazione di quanto oggi Instagram possa influenzare le decisioni su dove passare le vacanze. Paesaggi mozzafiato e strutture di ottimo livello per il paese (9mila abitanti) sull'isola Sud della terra dei kiwi. Ma un viaggio scomodo per quasi tutti i viaggiatori del mondo. Come ha raccontato Business Insider UK un anno fa, grazie a una campagna di marketing in grande stile basata proprio su Instagram, Wanaka è diventata una meta molto ambita e ha visto crescere esponenzialmente i propri visitatori. Lo stratagemma usato è stato invitare diversi influencer a passare un periodo nel proprio territorio, lasciando che le tracce del loro soggiorno corressero di follower in follower insieme alla bellezza dei suoi monti, ghiacciai e laghi in quota.

Ma Instagram rimane soprattutto un racconto fatto dal basso, da una community di appassionati senza scopo di lucro. E sono loro ad aver garantito il riscatto dell'articolo, quello che il resto d'Italia continua a scrivere maiuscolo senza declinarlo, vanificando anni di dibattiti cittadini tra eruditi e storici. Tornando a queste latitudini, il banalissimo #laSpezia conta 261.192 occorrenze mentre scriviamo, oltre cento volte di più del brand ufficiale, senza contare che anche gli improbabili #laspezia_photo (5.219 post) e #laspeziagram (2.338 post) battono o eguagliano anche loro #mySpezia.
Sotto #laSpezia finiscono inevitabilmente anche foto di altre località del golfo, delle Cinque Terre e del resto della riviera. Qualcosa che lascia intendere quanto i confini e gli steccati nostrani siano inconcepibili per il turismo mondiale. Fanno comunque riflettere i 42.784 post taggati #GolfodeiPoeti, pochi rispetto ai 201.175 #Portovenere e ai 115.050 #Lerici. Insomma, il golfo come noi lo concepiamo non sembra esistere nella percezione degli utenti del social.

La cartolina di pixel del territorio rimangono sempre le #cinqueterre, che con questo hashtag totalizzano la bellezza di 1.100.690 post, che ne fanno il vero spot tra #Genova (1,8 milioni) e Pisa (1,6 milioni), che oltretutto possono godere anche del fatto di essere città che si citano non solo per motivi di turismo. Prese singolarmente, le cinque località non fanno invece massa critica: #manarola (215mila) prima di #vernazza (212mila), #riomaggiore (187mila) prima di #monterosso (181mila) e #corniglia (68mila) a chiudere.
Per quel che riguarda gli eventi, il #paliodelgolfo conta 2.745 occorrenze e si disperde nei rivoli delle sue varie edizioni (#paliodelgolfo2016, #paliodelgolfo2015, etc.); d'altra arte lo stesso hashtag non compare mai citato nel sito ufficiale della manifestazione. Stesso discorso per il #FestivaldellaMente (1.169). La Fiera di San Giuseppe convive caoticamente con la parente di Cosenza, così come lo Sbarco dei Pirati sconta la non originalità del battesimo. Poche centinaia di citazioni per #Liguriadabere. Infine la Festa della Marineria, che sembra aver fatto la fine della stessa manifestazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure