Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 27 Luglio - ore 23.55

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Usciamo dalle partecipate e prepariamo il porto del futuro"

Roncallo incontra la stampa: "Nuova stazione? Royal Caribbean e Msc potrebbero farla insieme". Salta la Marineria '17: "Difficile sanare il vecchio, ma ci proveremo". E anche a Carrara dal 2018 andranno le crociere: "Vanicella non è la soluzione".

`Usciamo dalle partecipate e prepariamo il porto del futuro`

La Spezia - Un fiume in piena dopo almeno quattro mesi di lavoro schivo e decisamente poco sbandierato. L'inversione di tendenza dalle parti di Via del Molo segue un po' tutta la linea e anche il dettaglio comunicativo-divulgativo si fa sentire. Ecco perché probabilmente Carla Roncallo, dall'11 novembre scorso, in sella alla nuova Autorità di sistema che unisce i porti della Spezia e Massa Carrara, decide di aprirsi in quella che è di fatto la prima conferenza stampa da quando ha salutato De Ferrari pre prendere l'A12 e sbarcare nel levante ligure. Il che avviene il giorno seguente l'assemblea dell'ormai ex comitato portuale che, negli intendimenti dell'architetto genovese, serviva a chiudere la gestione provvisoria, rimasta in sospeso con la bufera che ha colpito l'ente e la contestuale riforma Delrio. "Così la presentazione del bilancio, entra nella sua fase ultima di approvazione, era troppo importante fare questo passaggio anche per superare lo stallo". Roncallo si sofferma poi sulla partita delle società partecipate: "Abbiamo tante società partecipate, almeno una dozzina, dove la vecchia Ap della Spezia aveva delle quote. Il piano è quello di uscire di scena in quasi tutte, soprattutto in quelle in cui non ha senso stare dentro. In primis serve quantificare il valore della quota di partecipazione: tipo il nostro 63 per cento nel consorzio Discover o il 15 per cento che deteniamo in Infoporto. Siamo per queste ormai pronti per il bando, mentre per Apsl non abbiamo bisogno di cedere quote ma andremo a liquidarla. I servizi legati alle crociere ad ogni modo verranno unificati secondo un bando di gara visto che anche per Discover la scadenza è il 31 dicembre 2017. Rimarremo invece nella società "La Spezia shunting railways" che gestisce il servizio merci ferroviario sul quale puntiamo tantissimo con l'obiettivo di raggiungere la quota del 50 percento. Poi ci sono altre situazioni in cui non abbiamo la necessità di uscire immediatamente". Sulla figura del segretario che sostituirà il licenziato Davide Santini si prende ancora del tempo: "Vorrei un segretario che venga da questo mestiere, ne ho già incontrati diversi e vorrei arrivare al comitato di gestione con la proposta. No, non sarà Pomo, persona preparata ma non più nell'età per ricoprire questo incarico".

Un piano triennale per le opere. Un lungo elenco di lavori in programma, Roncallo snocciola soprattutto le priorità: "Innanzitutto la darsena davanti al molo Pagliari per la ricollocazione delle marine, oggi al Canaletto, che bloccano i lavori di riempimento previsti da Lsct. Si parte nelle prossime settimane. Poi la riorganizzazione del fascio dei binari per efficientare sempre più la movimentazione della merce su treno: ci sono a disposizione 38 milioni del Cipe per nove nuovi fasci di binari. Adesso aspettiamo la delibera della Corte dei conti, ma penso che quest'anno si possa partire con le opere. Oltre a questo c'è una questione relativa alla fascia di rispetto, già aggiudicata: in estate potranno partire i lavori". Fra le opere citate velocemente da Roncallo anche lavori che riguardano i terminalisti principali per Terminal del Golfo (70 milioni) e Lsct (113 milioni per l'allargamento ad est di molo Garibaldi e Marina del Canaletto: "Potranno avere inizio già quest'anno con il finanziamento dei privati. Infine il consolidamento del molo ovest del Fornelli per il dragaggio".

Il waterfront, la Marineria e la stazione crocieristica. "Pensiamo che sia necessario costruire questo nuovo molo-pennello: siamo all'esame del consiglio superiore ai lavori pubblici che deve esprimersi. Sono richiesti diversi pareri, poi si potrà dire se farci o non farci la stazione crocieristica o se su calata Paita. E' vero che esiste un interesse da parte di Royal Caribbean e Msc sia per la costruzione che per i servizi, magari insieme. La prossima settimana sarà oggetto d'argomento nel meeting di Miami cui parteciperemo". La stampa domanda in merito ai decreti ingiuntivi sulla Marineria e al buco non ancora sanato? "Si è andati oltre la cifra, siamo ai passaggi formali con il comitato di gestione, il collegio dei revisori, ed è difficile sanare tutta la questione anche perché a volte certi lavori sono stati affidati direttamente. Speriamo ci porti ad una definizione. La Marineria 2017? Non ci sarà ma non è detto che la festa non possa essere ripresa, in modo consono".

La nuova autorità di sistema: "A Carrara anche le crociere". Attorniata dai principali collaboratori, dirigenti del porto spezzino ma anche di quello apuano (Luigi Bosi, Luca Perfetti e Lorenzo De Conca), Roncallo ha poi chiarito la situazione riguardante la nuova autorità ne unisce Marina di Carrara alla Spezia: "Mancano i rappresentanti della Toscana e del Comune di Carrara: da Firenze fanno sapere che delibereranno il nome entro il 14 marzo (dovrebbe essere l'ingegner Enrico Becattini, ndA), mentre non c'è una data precisa per il delegato di Carrara. A proposito di Carrara, parliamo di un piccolo porto con una vocazione precisa che riguarda il marmo e il cosiddetto project cargo. In ottica complementare, ho visionato peraltro progetti molto interessanti. A partire dal waterfront per il quale metà dei lavori sono già finanziati e un lotto in particolare riguarda l'importante ristrutturazione del viale antistante il porto. La zona è complessa ma c'è interesse della Regione toscana, aspettando il pronunciamento di Carrara e un ragionamento più largo, visto che quel progetto oggi non trova d'accordo tutti. Pensiamo all'unione dei due Prp, sarebbe la cosa migliore per tutti. Vocazione crocieristica? A Carrara possono arrivare navi da crociera, la sua vicinanza con le città d'arte e il territorio in sè lo permettono. Vorremo che ci fosse un'offerta congiunta dal 2018 anche perché con la terza nave in contemporanea alla Spezia andiamo in difficoltà. Il molo Vanicella? Un espediente che non va bene per la sicurezza. Non so come abbiano fatto... Stiamo anche portando avanti un lavoro su Santo Stefano, progetto già quasi realizzato: tutta la procedura sui controlli sulle merci andrà a finire nel nostro retroporto che diventerà il polo centrale della logistica".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure