Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 25 Ottobre - ore 22.41

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Sfruttiamo questo momento per ripensare il turismo" | Video

Conversazione con Angelo Matellini e Giuseppe Menchelli, direttori provinciali di Cna e Confartigianato.

"Dehors gratis ok, problema è riempirli"

La Spezia - “Gli anni scorsi facevamo riunioni per discutere su come far venire meno turisti, si parlava di numero chiuso, di 'troppo pieno'. Oggi invece ci troviamo in una situazione opposta”. Amara ironia quella di Angelo Matellini e Giuseppe Menchelli, direttori provinciali di Cna e Confartigianato che hanno conversato con CdS per un'ora ricca di spunti e temi. Tra questi grande protagonista il turismo, diventato un asse portante dell'economia spezzina attraverso una escalation vertiginosa e oggi strozzato dalla pandemia. Incolpevoli tremano strutture ricettive, ristorazione, negozi e tutte le attività e i servizi che nell'ultimo decennio hanno goduto del boom. “Le amministrazioni comunali – ha affermato Menchelli, puntando a restituire subito con chiarezza la gracilità delle vacche - hanno data ampia disponibilità a concedere gratuitamente spazi esterni alle attività in modo da consentire alle stesse di compensare i minori posti all'interno per via delle misure anti contagio. Ma il problema è... chi ci si siede? L'80-90 per cento della struttura commerciale del settore ricettivo e di quello bar-ristorazione è legata al turismo. Venendo meno il turismo internazionale – la Germania ha chiuso le frontiere fino al 30 giugno, la Francia fino al 18 luglio – mancheranno gli stranieri. E non sappiamo quando partirà il turismo interregionale. Col turismo interno alla regione Liguria non possiamo vivere, andiamo poco lontano. Il turismo interno lascia molto di meno sul territorio. In ogni caso si farà quello che si potrà fare, assisteremo a una partenza lenta, senza assunzioni, con titolari e collaboratori familiari. Le spiagge? Anche qui, se il turismo resterà bloccato, ci sarà comunque spazio per la nostra utenza, nel rispetto delle misure anti contagio, magari facendo dei turni. Ma sarà un'utenza insufficiente per mantenere in piedi la struttura balneare e i servizi ad essa connessi, a meno di impennate dei prezzi”.

Insomma, preoccupazione e incognite, unite alla ferma consapevolezza che, se è necessario quanto prima dare chiarezza al tessuto economico, al contempo non bisogna abbassare la guardia nei confronti della pandemia per evitare il rischio di ritrovarsela bella arzilla dietro l'angolo. “Penso ci sia più attenzione all'interno dei luoghi di lavoro, meno ne vedo girando in città”, osserva Menchelli, trovando piena sintonia da parte di Matellini: “Sì, sembra più difficile rispettare le norme fuori dall'ambito lavorativo”.
Il direttore Cna, tornando al turismo, spiega che “c'è grande dispiacere, soprattutto per quelle imprese che hanno investito tanto – anche dietro nostro consiglio - e che oggi, vista la situazione, scontano le maggiori difficoltà. Ci saranno purtroppo ripercussioni negative, indotto compreso. Occorrerà aspettare la primavera del 2021 per ritrovare occasioni di redditività”. Matellini traccia i lineamenti di un cambiamento inevitabile: “Va ripensata l'organizzazione del lavoro, soprattutto in imprese con molti dipendenti, in modo da rispettare distanze sociali e presidi igienico sanitari. Muteranno anche i movimenti in città, si dovrà scaglionare. Cambia il servizio di trasporto pubblico, che si dovrà pensare di integrare con operatori privati, vedi bus o noleggio con conducente. Ma dobbiamo provare a fare di necessità virtù. Siamo caduti da cavallo, cerchiamo di risalire in sella immaginando come evitare quei problemi emersi in passato, dettati anche dall'euforia per la crescita del turismo, diventato un fenomeno di massa. Pensiamo a farlo ripartire con maggiori umiltà e concretezza”. Su analoga lunghezza d'onda il direttore Menchelli: “Sfruttiamo l'occasione per capire come ripartire puntando a un turismo di qualità e gestendo meglio i flussi, diluendoli in tutta la provincia e allungando la stagione”. Sotto l'articolo, la videointervista integrale ai direttori.

F.L.-N.R.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Video

10/05/2020 - Decreto Maggio: misure per le imprese e scenari futuri


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News