Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Gennaio - ore 22.09

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Se scatterà il rosso, saranno mancati incassi e ordini buttati al vento"

L'allarme di Buticchi: " Ciò che gli operatori del commercio e dei pubblici esercizi cittadini chiedono non sono elemosina, ma certezze: la loro stessa esistenza viene messa in forse dalle marcate insicurezze delle istituzioni".

"sempre mino fiducia"
"Se scatterà il rosso, saranno mancati incassi e ordini buttati al vento"

La Spezia - “L’incertezza che il ‘semaforo’ delle chiusure per rischio epidemico trasmette ai settori produttivi del Paese è dirompente”. Sono le parole di Marco Buticchi, presidente Fipe Confcommercio La Spezia. "A pagarne le conseguenze più gravi è il commercio, già messo in ginocchio da dieci mesi di sostanziale inattività. Pensate solo alla ristorazione e ai pubblici esercizi: nel lampeggiare di verdi, gialli e rossi, i ristoratori si erano rassegnati a lavorare in tono dimesso per le festività natalizie. Ma pur sempre a lavorare. Per fare ciò avevano raccolto prenotazioni, formalizzato ordini, acquistato merci. In questi minuti si deciderà se, pur in sicurezza e con le prescrizioni del caso, si potranno ricevere almeno clienti contingentati. Se scatterà il rosso, saranno mancati incassi e ordini buttati al vento in uno dei momenti più difficili per il settore in tutta la storia repubblicana".

E ancora: "Analoghe considerazioni valgono per il commercio cittadino: dopo aver invogliato a far ripartire gli scambi, ecco che si addossa alle compere natalizie la responsabilità di un eventuale riaccendersi della pandemia e si minaccia una nuova chiusura totale. Ciò che gli operatori del commercio e dei pubblici esercizi cittadini chiedono non sono elemosina, ma certezze: la loro stessa esistenza viene messa in forse dalle marcate insicurezze delle istituzioni. Scaricare poi addosso ai settori produttivi del Paese ogni colpa del diffondersi del contagio non fa onore a chi dovrebbe, per primo, assumersi il peso delle proprie scelte. Vero è che, in gran parte dei Paesi europei, la serrata sarà estesa alle festività a seguito di un’unica e univoca decisione presa per tempo. Le categorie danneggiate, poi, saranno compensate fino al novanta per cento dei costi sostenuti nella precedente stagione. I nostri operatori, invece, confusi dal lampeggiare dei semafori, ancora aspettano con sempre minore fiducia che qualcuno conceda loro i ristori promessi. E intanto, intere vite di lavoro navigano in acque tempestose per l’altrui incertezza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News