Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 04 Dicembre - ore 22.23

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Ristori reali e immediati, ora migliaia di imprese rischiano davvero la chiusura"

Maggiani, presidente Cna: "Chiesto a Toti di prevedere, a sostegno del trasporto pubblico, veicoli e bus di ditte private, che attualmente hanno mezzi fermi e autisti in cassa integrazione come in Emilia, Toscana, Veneto, Lazio e Lombardia".

i timori delle categorie

La Spezia - "Le nuove limitazioni imposte sono dettate dal pericoloso aumento della curva in crescita dei contagi, la Liguria resta in zona rossa, dunque, non possiamo esimerci da applicare maggiori cautele. Ma la chiusura alle 18 delle attività per alcune realtà diventa un azzeramento totale del proprio incasso e reddito e la nuova stretta governativa rischia di mettere definitivamente al tappeto interi settori dell’economia italiana, innescando una crisi sociale pericolosa e senza precedenti". Il grido d'allarme arriva da Federica Maggiani, Presidente Cna La Spezia, che espone tutta la sua preoccupazione emersa nelle ore immediatamente successive alla pubblicazione dell'ultimo dpcm, quello di sabato 24 ottobre.

“In questi mesi è stato chiesto un enorme sforzo alle imprese - prosegue Maggiani -, ai negozi, ai ristoranti e ai bar al fine di dotarsi di dispositivi e adeguarsi alle misure anti contagio e ora si procede con delle limitazioni che non tengono conto degli effettivi luoghi di maggior rischio. Constatato che ci si infetta in casa tra conviventi e nei mezzi di trasporto bisogna intervenire su questi settori, per ottenere dei risultati. A tal fine sarebbe, ed è, stato sicuramente più efficace assicurare la distanza interpersonale sui trasporti pubblici, avvalendosi delle disponibilità che abbiamo più volte dichiarato dei mezzi delle imprese private del trasporto persone, compresi autonoleggio e taxi. Come Cna a livello regionale abbiamo richiesto al Presidente Toti di prevedere, a sostegno del trasporto pubblico, veicoli e bus di ditte private, che attualmente hanno mezzi fermi e autisti in cassa integrazione. Una scelta già realizzata in altre regioni d’Italia come Emilia Romagna, Toscana, Veneto, Lazio e Lombardia".

"Chiediamo a livello nazionale, inoltre, ristori reali commisurati alle perdite subite – aggiunge Maggiani -, immediati e destinati a tutte le imprese interessate dal provvedimento in aggiunta alla sospensione delle cartelle esattoriali, alla cancellazione dell’Imu, ai crediti d’imposta per affitti e bollette, alla cassa integrazione per i dipendenti. Alle 400mila imprese della ristorazione, del cinema, del benessere, degli eventi, del commercio e del turismo, direttamente colpite dal Dpcm, va aggiunto oltre un milione di imprenditori e professionisti delle filiere, che hanno altrettanto diritto in tempi rapidi a ristori adeguati al danno. La chiusura delle attività di spettacolo, cultura e tempo libero può avere pesanti ricadute, peraltro a fronte di non accertate conseguenze dirette sulla diffusione del contagio. A livello nazionale chiediamo, infine, da subito la convocazione di un tavolo permanente di confronto operativo, con le parti sociali che hanno firmato i protocolli di sicurezza, per riprendere il proficuo confronto con il governo aperto a primavera".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News