Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 06 Giugno - ore 21.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Oss Coopservice, adesso assunzione e internalizzazione"

L'intervento di Mirko Talamone, segretario Fisascat Cisl La Spezia.

"Screening carente"
"Oss Coopservice, adesso assunzione e internalizzazione"

La Spezia - “Sono passati ormai quasi due mesi dalla impugnativa da parte del Governo dell’ emendamento alla legge Finanziaria che impediva di fatto la creazione di una società in house per l’ internalizzazione dei 158 operatori sociosanitari (Oss) di Coopservice, ma ad oggi ancora tutto tace". Cosi Mirko Talamone, segretario della Fisascat Cisl spezzina, sulla nota vertenza. “L’emergenza coronavirus Covid-19 - prosegue Talamone - ha defilato la questione e ma oggi più che mai gli addetti meritano ascolto per l’impegno, la dedizione e l’umanità dimostrata sul campo, nei reparti. Meritano l'assunzione perché hanno iniziato la loro attività fin dai primi momenti dell’ emergenza Covid senza avere i dispositivi di protezione individuale (dpi) necessari, continuando con doppi turni, riposi saltati, basso assenteismo e andando ora nei reparti Covid laddove le oss assunte con Partita Iva dall’Asl5 non potevano essere utilizzate".

“Altra grave carenza che denunciamo - prosegue Talamone - é l’assenza di adeguati screening sulla salute degli operatori che Alisa avrebbe dovuto garantire a tutti gli operatori del comparto pubblico e privato del settore socio sanitario come test sierologici e tamponi ma ad oggi gli addetti di Coopservice sembrano esclusi, questo a fronte di almeno una decina di casi di covid19 tra i lavoratori. Senza considerare che il premio economico garantito dalla Regione ai dipendenti del comparto sanitario pubblico non verrà erogato agli oss di coopservice e Fisascat Cisl vogliamo venga esteso a tutti, pubblico e privato. Non rinunciamo dunque a questa battaglia, il rischio che oltre il danno si aggiunga anche la beffa della perdita del posto di lavoro”.
Conclude Talamone: “Crediamo inoltre che vi siano le condizioni, con l'emergenza in corso, di andare a potenziare le carenze di organico in prospettiva della realizzazione di strutture Covid 19 a bassa e media intensità di cura che accolgano pazienti non autosufficienti, dove potrebbero trovare collocazione un ampia platea di oss. Chiediamo a Regione e Governo di ascoltarci perché passata l’ emergenza torneremo a rivendicare fortemente il diritto a difendere il posto di lavoro dei 158 oss”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News