Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Dicembre - ore 21.28

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Gli appartamenti a uso vacanze vanno considerati strutture extralberghiere"

L'appello di Confartigianato e del consorzio "Welcome to La Spezia": "La legge regionale non basta più".

"Temiamo la concorrenza sleale"
"Gli appartamenti a uso vacanze vanno considerati strutture extralberghiere"

La Spezia - “E' necessario rivedere la legge regionale che regolamenta gli appartamenti ammobiliati ad uso turistico. Sarebbe meglio se rientrassero nel settore dell'extalberghiero. Senza regole si rischia di generare confusione e concorrenza sleale”. E' il grido dall'allarme di Confartigianato spezzina con i rappresentanti del Consorzio "Welcome to La Spezia" che rappresenta oltre 60 strutture ricettive della città.
L'appello è stato lanciato questa mattina dalla sede di Via Fontevivo e nel corso di una conferenza sono stati elencati alcuni dati sulla crescita di questo settore, che di fatto, è regolamentato dalla sola legge regionale del 2014 e che non inserisce le “Aaut” tra le strutture alberghiere che hanno tassazioni del 21 per cento e regole ferree da rispettare in materia di pulizia e sicurezza.

I numeri. Il settore dell'Aaut dal 2010 al 2016 è passato da 20 appartamenti a 1.194 in tutta la provincia. A fare girare la testa sono i dati relativi al 2017 e alla prima metà del 2018. Nel Comune capoluogo al 31 dicembre dello scorso anno i censiti erano 1.200 e in questi primi mesi se ne contano altri 800.
Con i dati aggiornati al 4 maggio di quest'anno il numero totale di questi appartamenti è salito vertiginosamente a 3.068 in tutto il territorio provinciale. Sono 8.043 i posti letto forniti dalle strutture alberghiere ed extralberghiere, quindi soggette a tassazioni e vincoli differenti, 7.790 quelli degli appartamenti ammobiliati ad uso turistico.

"I dati pubblicati dalla Regione Liguria - spiegano i consorziati e i vertici di Confartigianato -, mostrano una leggera flessione dei pernottamenti sul territorio. É vero che al 15 giugno 2018 il Comune della Spezia si assesta con un + 1,56%, mentre altri comuni registrano una decrescita più o meno importante, ma dobbiamo chiederci se questi dati rispecchino veramente la realtà”.

“Da tenere conto che i numeri riportati sono quelli dichiarati dalle strutture ricettive alberghiere ed extra alberghiere ma non dagli Appartamenti ammobiliati a uso turistico - per i quali la norma regionale non prevede l'obbligo di segnalazioni statistiche. Abbiamo ragione di credere che i dati ufficiali siano valutati al ribasso. Non conseriamo poi tutto il sommerso e gli appartamenti che vengono affittati abusivamente ai turisti, su cui chiediamo un maggiore impegno da parte degli organi di controllo. A questo punto è necessario chiedersi se la Legge regionale 32/2014, che regola il settore ricettivo e che non inquadra gli appartamenti ammobiliati a uso turistico come vere e proprie strutture ricettive, abbia ancora una logica oppure debba essere rivista”.
“Sui vari portali si trovano appartamenti offerti a costi bassissimi - ha precisato il direttore di Confartigianato Giuseppe Menchelli – anche a 19 euro e ci chiediamo come possano sopravvivere se questa cifra deve comprendere il 21% di cedolare secca, le utenze, le spese di gestione e che tipo di qualità si possa offrire ai turisti a queste condizioni. Le strutture ricettive per poter essere autorizzate ad aprire devono presentare tutta una serie di documentazione dichiarando le caratteristiche di qualità delle attività, presentando fotografie degli alloggi ecc. ma nulla di tutto questo è richiesto agli intestatari degli Aaut se non in un eventuale futuro controllo da parte dei funzionari della regione. E che tipo di controllo può essere fatto se chi affitta un Aaut non ha nemmeno l'obbligo di dare un nome alla struttura né, tanto meno, segnalarla con una targa esterna all'edificio? Che controlli sugli alloggiati possono essere svolti se numerosi Aaut sono dotati di check-in automatici senza che nessuno possa così verificare la rispondenza tra le persone dichiarate e quelle che effettivamente sono presenti nell'alloggio? Su quali basi possono versare l'imposta di soggiorno?”.
“Navigando su internet - prosegue Roberto Cozzani presidente del Consorzio “Welcome to la Spezia” -, è possibile scoprire che ci sono Aaut che vengono gestiti come affittacamere, affittando non l'intero appartamento ma le singole camere e talvolta fornendo servizi non pertinenti all'attività. Alla luce di tutto questo pensiamo che la normativa regionale sia da rivedere per tutelare le attività serie, con o senza partita Iva, che lavorano rispettando tutte le disposizioni ma soprattutto per tutelare il cliente, il malcapitato turista che si trova ad alloggiare spesso in alloggi fatiscenti, gestiti per hobby da persone che molte volte non sono in possesso della necessaria professionalità in un settore che non può essere improvvisato”.

Confartigianato Turismo e il Consorzio "Welcome to La Spezia" chiedono di rivedere la legge regionale n. 32/14 e che tutte le strutture che operano nel settore ricettivo seguano le regole e gli iter autorizzativi: verifica condizioni igienico sanitarie, dichiarazione dei posti letto, indicazione del nome della struttura e dichiarazioni Istat.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News